Dopo il nostro recente articolo di approfondimento sulle iscrizioni al Comitato Opzione Donna Social torniamo ad aggiornare i lettori della rubrica "Parola ai Comitati" in merito alla vicenda dei lavoratori esodati. La LdB 2017 ha infatti introdotto una nuova tutela che va ad aggiungere 30700 posti alle precedenti azioni di salvaguardia, seppur diminuendo quelli totali di 4671 unità. Si tratta di un effetto dovuto alla ridefinizione degli interventi già avvenuti in precedenza in favore degli esodati, stante che la cernita si è concretizzata dopo la verifica dell'effettivo utilizzo da parte degli aventi diritto.

Con tali premesse, il nuovo provvedimento interviene sui tempi utili alla maturazione della decorrenza o del diritto alla quiescenza con i requisiti antecedenti la Manovra Fornero del 2011. Vediamo quali sono i tempi tecnici da rispettare per poter inoltrare la domanda sulla base delle circolari pubblicate al riguardo.

Pensioni e 8va salvaguardia: le procedure da seguire per completare la domanda di pensionamento

Partiamo dalla data di scadenza entro la quale il lavoratore dovrà tassativamente inviare la propria richiesta di pensionamento sulla base di quanto previsto dall'8va salvaguardia.

Il termine è fissato al 2 marzo del 2017, così come indicato all'interno della circolare del MdL numero 41 del 2016 e del messaggio Inps numero 5266 dello stesso anno. All'istituto di previdenza è richiesto inoltre di effettuare un monitoraggio delle domande. Ricordiamo che il provvedimento va ad interessare le stesse categorie della precedente tutela, seppure con tempi diversi. Sarà inoltre l'ultimo di questo tipo, stante che il legislatore ha deciso una contemporanea abolizione del fondo finalizzato alla tutela dei lavoratori esodati. Una considerazione che invita gli aventi diritto a tenere presente con attenzione la scadenza del 2 marzo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Esodati e cumulo gratuito: verso diffida contro l'Inps?

Nel frattempo crescono le proteste dei lavoratori che sono rimasti tagliati fuori dal provvedimento nonostante la propria situazione di disagio. È in particolare sulla mancata estensione del cumulo gratuito all'8va salvaguardia che si concentra l'attenzione di coloro che non possono accedere alle tutele previste dal provvedimento a causa di una carriera lavorativa discontinua.

Si concretizza quindi una vera e propria ingiustizia, contro la quale molti esodati potrebbero agire aderendo alla diffida in preparazione dal Comitato Opzione Donna Social, sulla quale si è in attesa dei primi riscontri già nei prossimi giorni.

Come da nostra abitudine, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato.

Se invece preferite restare aggiornati sui prossimi articoli riguardanti le pensioni vi ricordiamo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto