Nel corso del 2016 il numero dei nuovi pensionati è sceso del 22% rispetto a quanto non era avvenuto l'anno precedente: lo stabilisce un dossier dell'agenzia AdnKronos, che ha elaborato i database resi disponibili dall'Istituto pubblico di previdenza in merito all'andamento delle domande di pensionamento ed agli importi dei relativi assegni. Un'analisi che mette in luce ancora una volta la stretta realizzatasi con i nuovi requisiti di pensionamento previsti nelle ultime riforme previdenziali. Il riferimento va all'incremento di un quadrimestre nel vincolo anagrafico utile per l'accesso all'Inps, mentre in alcuni casi specifici il balzo in avanti dell'agognata data di quiescenza è cresciuta addirittura oltre.

È il caso delle donne, per le quali (in virtù di specifici aggiustamenti) i vincoli si sono allungati fino a 18 mesi. Ma l'adeguamento all'aspettativa di vita nella pratica è andato a colpire anche coloro che aspiravano a percepire la pensione sociale, visto che la data di accesso alla misura si è spostata in avanti sempre di quattro mesi. Se proviamo a racchiudere questo scenario in un semplice confronto, il numero dei nuovi pensionati è passato dai 570.002 del 2015 ai 443.477 del 2016.

Pensioni 2016: importi degli assegni stabili anno su anno

Stante la situazione appena descritta, per trovare una situazione di stabilità ed equilibrio dobbiamo passare dal numero dei nuovi assegni previdenziali all'importo erogato.

Il livello della mensilità media corrisponde a circa 990 €, anche se differenze notevoli si registrano a seconda del lavoro e della conseguente storia contributiva dei singoli neo pensionati. Si va dalle 1220 euro circa dei lavoratori dipendenti alle 910 euro circa dei commercianti. Numeri simili anche per gli artigiani, che si fermano poco sotto le 950 euro al mese. Infine, anche la pensione sociale ha confermato un importo pressoché stabile, attestandosi attorno alle 400 euro al mese. L'importo più basso spetta però ai cosiddetti lavoratori subordinati, il cui assegno mensile si posiziona attorno alle 190 € circa.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate condividere con gli altri lettori del sito la vostra opinione in merito ai dati che vi abbiamo appena riportato tramite l'aggiunta di un nuovo commento nel sito. Se invece preferite restare aggiornati sulle prossime novità riguardanti il settore della previdenza potete abbonarvi gratuitamente tramite la funzione "segui" che vedete in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto