I decreti attuativi per l'Ape Volontaria e la Quota 41 sono in ritardo. Il Governo sembra essere in una situazione di stallo e mentre mancano pochissimo giorni al primo maggio, data in cui tutto doveva partire, sembra proprio che la riforma rischi di slittare. Inoltre ancora si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativi dell'Ape Social. Slitterà dunque l'Ape e anche il pagamento? I sindacati intanto sono sul piede di guerra. Vediamo le ultime notizie che sono emerse.

Riforma pensioni 2017: decreti attuativi in estremo ritardo

Non ci sono buone notizie per tutti coloro che stanno aspettando impazientemente la firma dei decreti attuativi per Ape Volontaria e Quota 41. Mentre i lavoratori precoci hanno già organizzato una manifestazione a Roma per l'11 maggio, anche i sindacati sono ormai sul piede di guerra. I decreti attuativi per le Pensioni precoci, Ape Volontaria e Ape Social non sono stati ancora pubblicati nella Gazzetta Ufficiale e non è giunto nemmeno il parere della corte dei conti e del consiglio di stato circa l'Ape social. Dunque ormai sembra assodato che la riforma non riuscirà a partire per l'1 maggio, come invece era stato garantito.

Considerando i tempi previsti, le domande per l’Ape Social e Volontaria dovrebbero essere inviate tra inizio maggio e fine giugno. Per quanto riguarda il primo pagamento potrebbe avvenire tra ottobre e novembre. Ma sarà così? I sindacati non hanno nascosto il loro disappunto. Intanto ad oggi non ci sono notizie sulla Quota 41 e sull'Ape volontaria.

Il disappunto dei sindacati e del precoci

Un coro unanime di critiche giunge dai lavoratori e dai sindacati. Questi infatti non possono fare altro che attendere che il Governo indichi i dettagli per l'anticipo pensionistico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Vi ricordiamo infatti che per rendere effettiva la riforma è necessaria la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e che senza non ci sarà l'operatività della piattaforma su cui andranno poi presentate le domande. I sindacati hanno mostrato tutta la loro delusione circa i ritardi e le modalità con cui il governo sta affrontando la Riforma delle pensioni.Non ci resta che attendere le prossime direttive che arrivano dal governo per sapere che piega prenderà la Riforma e quando i lavoratori riusciranno ad ottenere l'anticipo pensionistico.

Per saperne di più cliccate sul tasto segui in basso, accanto al nome dell'autore dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto