Torniamo ad aggiornare le lettrici della nostra rubrica "Parola ai Comitati" con il nuovo punto della situazione ad opera di Orietta Armiliato, fondatrice del Comitato Opzione Donna Social.

Il Comitato supera le 2000 iscrizioni

Partiamo prima di tutto da una considerazione riguardante il Comitato Od Social: "Facebook mi dice che abbiamo superato le 2000 iscrizioni", ha spiegato la fondatrice Armiliato: "intanto grazie a tutte per la fiducia e per l'interesse a partecipare alla vita di questo Comitato, che si è formato lo scorso Novembre dandosi il difficile compito di portare avanti iniziative atte a rendere flessibile il pensionamento della platea femminile".

Un impegno che per la rappresentante delle lavoratrici è avvenuto "anche alla luce della conclusione dell'indagine di genere iniziata nel 2015 per volontà della Commissione Lavoro alla Camera capitanata dall'On. Maria Luisa Gnecchi (Capogruppo PD), che nacque con l'obiettivo di mettere i risultati ottenuti a disposizione sia del Parlamento sia del Governo, in modo tale da poter apportare correzioni di norme in favore delle donne, penalizzate da sempre".

Le prospettive e gli auspici per la nuova fase della riforma previdenziale

Stante la situazione, "ci auguriamo che questo lavoro durato quasi due anni possa essere funzionale ad "illuminare" la fase 2 dell'accordo siglato fra Governo e Sindacati, che sta procedendo nel suo cammino, anche se a rilento, a causa della complessa definizione dei Dpcm relativi alle misure dell'Ape nelle sue varie forme e quelle per i lavoratori Precoci.

Ieri, infatti, si è tenuto regolarmente l'incontro calendarizzato e che ha affrontato il tema della pensione dei giovani, argomento importante poiché, essendo la loro vita caratterizzata da carriere discontinue e dall'entrata nel mercato del lavoro in età già avanzata, si creerà il presupposto di una futura problematicità economica.

La riunione di ieri, dunque, è stata funzionale a definire il perimetro della discussione di questo delicato tema".

Pensioni anticipate, attesa per la definizione delle risorse nel DEF

"Naturalmente non sono mancati, anche in questa pagina, commenti polemici e luoghi comuni sul fatto che non siano state affrontate altre questioni che riguardano più da vicino il popolo dei lavoratori già in età pensionabile però, e non voglio difendere posizioni, il mio punto di vista" ha ribadito Armiliato, "è che fino a quando il DEF non sancirà l'entità delle risorse disponibili da impiegare nella prossima Ldb (ricordo che rispetto allo stanziamento iniziale realizzato lo scorso anno, sono ancora disponibili circa 5 miliardi da spalmare su due esercizi), difficilmente si potranno prendere in considerazioni soluzioni.

Non mi sembra ci siano state altre questioni rilevanti questa settimana, se non la presentazione di due interrogazioni parlamentari da parte di alcuni esponenti del M5S e della Senatrice Erica D'Adda-PD, relativi alla Proroga al 2018 della misura dell'Opzione Donna, atti deboli e poco significativi al fine di una soluzione ma che sottolineano il mantenimento di promesse che erano state fatte ai rappresentanti dei gruppi che la sostengono e che così sono state rispettate", ha concluso la fondatrice del Comitato.

Come da nostra abitudine, vi suggeriamo la possibilità di condividere la vostra opinione aggiungendo un commento nel sito, mentre per ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo.