Oggi è una giornata importante per il tema Pensioni. Alla Camera è infatti previsto l'esame della proposta di legge sull'abolizione dei vitalizi e i nuovi trattamenti pensionistici dei parlamentari e dei consiglieri regionali. Un appuntamento molto atteso dai lavoratori, che da anni chiedono equità. Intanto, in attesa del terzo incontro tra governo e sindacati per la fase 2 della riforma, segnaliamo la recente iniziativa del gruppo "41 x tutti lavoratori uniti", presentatosi con decine di persone a Torino, in occasione dell'arrivo del premier Gentiloni nei giorni scorsi.

Una delegazione del gruppo è stata poi ricevuta da alcuni assistenti del Premier, come riporta il sito ObiettivoNews, testata giornalistica diretta da Magda Bersini.

Vitalizi politici, si va verso l'abolizione

Giornata importante per chi da anni invoca l'abolizione dei vitalizi politici ed una revisione dei trattamenti pensionistici dei deputati, senatori e consiglieri regionali della Repubblica Italiana.

Il sito ufficiale della Camera riporta quelli che sono stati i passaggi precedenti all'approdo in aula del testo della proposta di legge del deputato Richetti (Partito democratico). La proposta numero 3225 fu presentata il 9 luglio 2015. A distanza di due anni arriva per la prima volta alla Camera per essere discussa, dopo aver completato l'iter dell'esame in Commissione lo scorso 30 maggio. Le ultime indiscrezioni che provengono da Montecitorio vedono il Pd ed il Movimento 5 Stelle uniti verso il sì al disegno di legge.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Matteo Richetti, come riporta l'Ansa, ha dichiarato che "si tratta di un privilegio inaccettabile" e come tale "va superato". Commentando la presenza in aula di Grillo quest'oggi, Emanuele Fiano (Pd) ironicamente ha detto che siamo di fronte ad un unicum, visto che Grillo sarà in Parlamento "per sostenere una legge del Pd".

41 x tutti lavoratori uniti, un'altra mobilitazione

È passata inosservata agli occhi dei media la presenza di alcuni appartenenti al gruppo "41 x tutti lavoratori uniti" a Torino qualche giorno fa, in segno di protesta contro la riforma Fornero, con l'ex ministra del Lavoro che ha risposto nella giornata di ieri alla domanda "i migranti pagano le pensioni agli italiani?".

Nel capoluogo piemontese c'era anche Paolo Gentiloni. La presenza dei lavoratori precoci dunque non era casuale, ma aveva l'obiettivo di ricevere la massima attenzione, oltre che dai media, dallo stesso premier del Consiglio. Se i primi, ad eccezione del portale torinese obiettivonews.it, hanno trascurato la lodevole iniziativa, il secondo ha invece manifestato maggiore sensibilità, concedendo un incontro con alcuni suoi delegati, stando a quanto riportato nelle ultime ore dalla redazione di ObiettivoNews, citata in precedenza.

Nuove iniziative sono attese nei prossimi giorni, volte a mantenere viva l'attenzione sulla pensione anticipata dei lavoratori precoci con quota 41.

Per ricevere le ultime notizie sulle pensioni e le novità di giornata con l'esame alla Camera della proposta Richetti sull'abolizione dei vitalizi cliccate il tasto Segui in alto a destra.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto