Buone notizie per molti lavoratori che ormai da anni attendevano una risposta da parte del Governo Gentiloni. Dopo l'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2018, infatti, i decreti attuativi sono in dirittura di arrivo. Numerose sono le novità in campo previdenziale e sul tema lavoro.

Si attendono i decreti attuativi

Come anticipato più volte, la nuova manovra finanziaria a portato a notevoli cambiamenti per quanto riguarda l'estensione delle categorie dei lavoratori particolarmente usuranti e gravose. Alle undici categorie precedentemente individuate, infatti, sono stati aggiunti anche i lavoratori marittimi, i siderurgici, i pescatori e i lavoratori appartenenti al settore agricolo.

Spazio anche allo stop all'adeguamento dei requisiti pensionistici alla speranza di vita per i lavoratori addetti alle mansioni usuranti. Frutto delle continue richieste delle parti sociali e soprattutto della proposta unitaria firmata dalle tre sigle confederali Cgil, Cisl e Uil in accordo con il Governo Gentiloni.

Si tratta di misure approvate con la nuova Legge di Stabilità ma sulle quali si attendono i decreti attuativi volti a dare efficacia alle norme. I decreti dovrebbero riguardare l'individuazione delle quattro categorie di lavori usuranti che a partire dal 2018 potranno accedere all'Ape Sociale o lasciare anticipatamente l'attività lavorativa con il meccanismo di Quota 41. Cambia anche il vincolo di tempo per lo svolgimento dell'attività usurante: difatti, come recita la norma contenuta nella Legge di Bilancio, un lavoratore dovrà dimostrare di aver prestato attività gravosa per almeno 6 anni negli ultimi 7 oppure per 7 anni negli ultimi 10.

Sconto contributivo per gli usuranti

Atteso anche il decreto attuativo inerente all'esenzione delle quindici categorie di lavori usuranti all'adeguamento dei requisiti all'aspettativa di vita che a partire dal 2019 determinerà un ulteriore aumento dell'età anagrafica passando dai 66 anni e 7 mesi attuali ai 67 anni per il raggiungimento della pensione di vecchiaia.

Per i lavoratori addetti a mansioni faticose, inoltre, è previsto uno sconto contributivo di cinque mesi per l'accesso al pensionamento. La pubblicazione dei decreti attuativi nella gazzetta ufficiale era prevista per alcuni giorni fa, ovvero, dopo i trenta giorni dall'entrata in vigore della Legge di Stabilità anche se i tempi di emanazione sono soggetti ad un ulteriore slittamento.