Da una parte il leader di Confindustria, dall’altra il leader della Lega: nuove prese di posizione oggi sulla riforma Pensioni. Sono Vincenzo Boccia e Matteo Salvini, con due posizioni diametralmente opposte [VIDEO], ad animare il dibattito sulla legge Fornero ad una settimana esatta dalle elezioni il cui esito non ha consegnato una maggioranza chiara e certa per procedere agevolmente con la costituzione del nuovo governo. Modifiche o abolizione della legge Fornero sì o no? La questione ha surriscaldato la campagna elettorale, gli elettori hanno premiato i due partiti che promettevano l’abolizione della riforma pensioni varata nel 2011 dal Governo Monti sostenuto da una maggioranza di larghe intese, cioè il Carroccio e il Movimento 5 stelle guidato da Luigi Di Maio che però in queste ore sembra insistere di più sulla proposte del reddito di cittadinanza e non si è ancora espresso con determinazione, così come faceva in campagna elettorale, sulle modifiche alla legge Fornero.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Pensioni

Pensioni, dibattito acceso sulla legge Fornero

"Sulla riforma Fornero [VIDEO] – ha affermato oggi il presidente di Confindustria - non condividiamo la modifica e sulla flat tax invece - ha aggiunto - condividiamo il concetto".

Secondo il leader degli industriali "il combinato disposto tra Jobs Act e piano Industria 4.0 – ha detto Vincenzo Boccia intervenendo oggi Mezz'ora in più su Rai 3 - ha fatto crescere del 30% gli investimenti privati, e questo – ha evidenziato - è importante”. Non finisce qui, diverse le questioni aperte e da affrontare secondo Confindustria. “C’è – ha proseguito Boccia - il tema dei divari che va affrontato. Ma non possiamo fermare la crescita – ha specificato - per risolvere i divari”. Quale la ricetta degli industriali? “Va aumentata la crescita – ha concluso Boccia - affrontando i divari".

Salvini in cerca di maggioranza per nuovo governo

In linea generale d’accordo con Confindustria sulla flat tax, di tutt’altro avviso sulla questione previdenziale il leader della Lega. "Il mio governo – ha detto Matteo Salvini - avrà come obiettivo quello di rispettare gli impegni con gli italiani.

Abbiamo detto – ha aggiunto - che cancelleremo la legge Fornero. Vedremo chi ci aiuterà a farlo”, ha sottolineato il segretario del Carroccio intervenendo oggi durante i lavori della Scuola Politica leghista a Milano. “C'è un nuovo proletariato – ha proseguito il candidato premier leghista - rappresentato da milioni di partite Iva, e noi ripartiremo dal lavoro, non dai vincoli. Prima dell'Europa – ha concluso - vengono le necessità degli italiani [VIDEO]". Nel programma della Lega per la previdenza, così come in quello del Movimento 5 stelle, si parla in particolare dell'istituzione della Quota 100 per tutti, della proroga (o possibile stabilizzazione) del regime sperimentale di Opzione donna, della Quota 41 tanto attesa dai lavoratori precoci e di nuove formule di pensione anticipata capaci a riposo gli ultrasessantenni e al lavoro i giovani.