Arriva la proposta della Lega di Matteo Salvini sulle Pensioni anticipate 2018 a quota 100 e a quota 41 e sull'abolizione della riforma delle pensioni di Elsa Fornero. In settimana, secondo quanto riporta Repubblica di oggi, 11 marzo 2018, il Carroccio pubblicherà le linee guida da condividere con i partiti alleati. Il primo obiettivo è quello di assicurare pensioni anticipate con il sistema delle quote di uscita al ribasso in modo da arginare la legge Fornero.

Pubblicità
Pubblicità

Il programma sulle pensioni della Lega, fa notare Repubblica, va nella direzione esattamente opposta al monito arrivato in questa settimana da Bruxelles che ha sottolineato il rischio al quale si potrebbero trovare i conti pubblici italiani con le misure flessibili sulle pensioni e sulle tasse.

Ultime pensione anticipata 2018: novità oggi quota 41 e quota 100, quale uscita?

Due sono, nel dettaglio, i punti del programma della Lega sulla pensione anticipata e sulle tasse.

Pubblicità

Il primo riguarda il ritorno al meccanismo delle quote per le pensioni anticipate. Si parla di quota 41 per tutti e di quota 100, da ottenere sommando età e contributi. Per le tasse, invece, la proposta è quella di tutto il Centrodestra, ovvero dell'introduzione della Flat tax. Entrambe le misure, secondo quanto riporta il quotidiano, verranno inserite nel programma alternativo del Documento Economico e Finanziario (Def).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Per la Flat tax sarebbe stata già individuata la data di partenza: il 1° gennaio 2019 con introduzione delle misure nella legge di Bilancio di fine anno. Attorno alla proposta della Lega, Matteo Salvini punta a sapere quali partiti e forze politiche sono dalla sua parte per arrivare ad alleanze e convergenze. Le proposte della pensione anticipata a quota 100 e quota 41 e della Flat tax viaggiano, in ogni modo, sui numeri degli economisti.

Uscita pensione anticipata 2018: proposta Lega abolizione Fornero e Flat tax

Infatti, sui numeri delle pensioni anticipate con le quote, l'abolizione della riforma Fornero potrebbe arrivare a costare tra gli undici e i quindici miliardi di euro. E' questa la stima dell'economista Roberto Perotti, ma i tecnici della Lega stimano che si potrebbe arrivare a spendere non più di sette miliardi di euro per tornare ad un meccanismo delle pensioni pre-Fornero.

Pubblicità

Sulla Flat tax, invece, si cercherà di arrivare ad una percentuale di sintesi tra il tetto della Lega, fissato al 15 percento (con tre scaglioni di reddito e detrazioni per tremila euro), e quello di Forza Italia, più moderato, al 23 percento. Ma i benefici sull'economia reale sarebbero evidenti. Secondo Armando Siri, infatti, il mancato gettito sulle tasse si attesta sui 48 miliardi per le famiglie e a 15 miliardi per le imprese.

Pubblicità

Con la Flat tax, già dal 2019, il Prodotto interno lordo potrebbe aumentare del 2%, del 2,5% dal 2020 e del 3% dall'anno successivo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto