Pubblicità
Pubblicità

Da una frazione del trevigiano arriva una storia che fa veramente molto discutere. L'Andreola Costruzione, un'azienda edile del Veneto, ha deciso di licenziare 24 operai, tutti di rientro dalle ferie. Gli stessi operai non si aspettavano una decisione così drastica e discutibile, tanto che hanno dichiarato che sono state le vacanze più brutte e stressanti della loro vita.

I 24 operai lavoravano tra uffici e cantieri

Due giorni fa dalle pagine del Gazzettino di Treviso è venuta fuori una storia molto triste.

Pubblicità

Un'azienda edile ha deciso di licenziare i 24 lavoratori rimasti, cessando in pratica l'attività. Il 3 agosto i dipendenti avevano ricevuto la prima comunicazione, tanto che fino al 5 settembre erano stati praticamente mandati in ferie. Quel 5 settembre che per loro si è trasformato in un'incubo, visto che è stato il giorno in cui ai dipendenti è arrivata la lettera di licenziamento ufficiale. Ci ha pensato proprio Andreola a consegnare la lettera, spiegando come l'attività fosse cessata.

Una scelta spiegata durante un'assemblea con diversi rappresentati dei sindacati, tra cui Cgl, Cisl e Uil, che si erano riunite con Andreola per accordarsi sul pagamento crediti che spettano ai lavoratori.

Nel paese in questione, Loria, si vocifera che l'azienda sia stata praticamente venduta e che le pratiche di cessione sono ormai alle fasi conclusive. Sempre da voci di corridoio si apprende che ad acquisire le quote dell'azienda sarà un'imprenditore vicentino, anche se i sindacati non sono ancora a conoscenza dell'eventuale cessione.

Nella lettera di licenziamento Andreola aveva anche proposto un'accordo ai lavoratori [VIDEO], proponendo un'impegno personale per far assumere i 24 lavoratori dai nuovi proprietari.

Pubblicità

Accordo saltato per alcuni problemi rilevati dagli stessi dipendenti, che consigliati da un legale hanno deciso di non accettare l'accordo. Da quanto si apprende se avessero firmato l'accordo non avrebbero avuto diritto agli stipendi arretrati, e quindi gli ex dipendenti hanno deciso di non arrivare al compromesso.

Alcuni dei lavoratori licenziati hanno già trovato lavoro

Rinunciando all'accordo proposto da Andreola, i 24 dipendenti hanno così deciso di ripartire da zero e trovarsi un nuovo impiego.

Alcuni sono già riusciti a trovare lavoro, visto che il settore in questione è in ripresa, altri invece ancora sono disoccupati. I rappresentanti sindacali si stanno impegnando per far percepire gli stipendi arretrati ai 24 uomini [VIDEO], in quanto al momento nessuno dei dipendenti licenziati ha percepito gli indennizzi spettanti.

Non è un caso che i lavoratori in questione si stanno tutelando contattando avvocati, per poter usufruire dei diritti che gli spettano. Dalle loro dichiarazioni traspare grande amarezza e rammarico, tanto che vien fuori che l'Andreola negli ultimi anni aveva spesso fatto ricorso a cassa integrazione, prima di ridurre pian piano il personale.

Pubblicità