Ieri i leader di Cgil, Cisl e Uil hanno illustrato al Premier Conte un documento unitario per chiedere modifiche alla legge di Bilancio. Come riferito da Il Sole 24 ore, nelle due ore di faccia a faccia con sei sigle (oltre ai confederali, Confsal, Cisal ed Ugl), Giuseppe Conte ha dato la sua disponibilità all'inizio di un confronto costruttivo con le parti sociali, senza però specificarne i tempi.

Pubblicità
Pubblicità

Pensioni anticipate: Quota 100 primo passo, ma non basta

I leader della Cgil, Cisl e Uil sono convinti che la quota 100 (la misura cardine su cui punta il Governo giallo-verde) sia un buon punto di inizio per intavolare un dibattito previdenziale costruttivo con l’esecutivo, ma certamente portando con sé paletti limitanti, non può essere considerata l'àncora di salvezza per tutti i lavoratori che attendevano lo ‘smantellamento o il superamento’ della riforma Fornero.

Pubblicità

Nella Manovra non si menziona la pensione di garanzia per i giovani, nulla sui lavori gravosi, mancano i riferimenti alla separazione tra assistenza e previdenza, nulla su politiche riguardanti le donne, né sui lavoratori precoci. Andrebbero altresì tutelate, secondo le parti sociali, anche le categorie maggiormente disagiate che ad oggi rientrano nell'ape sociale e che se la misura non verrà prorogata si troveranno in seria difficoltà dal 2019.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Il Governo su cosa deve puntare?

Nel documento un chiaro riferimento, seppur senza che venga menzionato, è al reddito di cittadinanza, a cui i sindacati si dicono sostanzialmente contrari: bene lavorare su misure di contrasto alla povertà, dicono, intensificando anziché eliminando il Rei ( reddito di inclusione), ma no a provvedimenti di mero assistenzialismo. Occorre in primis creare lavoro, concentrarsi su misure espansive e di investimento per rilanciare il Paese.

Gli oltre 22 miliardi di spesa di deficit, dicono all'unisono Cigl, Cisl e Uil, dovrebbero servire per sostenere nuove politiche che mettano al centro il lavoro, specie per giovani e donne, le categorie maggiormente disagiate. Inoltre sarebbe importante puntare su innovazione, scuola e messa in sicurezza del territorio. Un dibattito interessante quello a cui i sindacati per la prima volta dalla nascita del Governo giallo-verde sono chiamati, resta da comprendere quanto riusciranno ad ottenere nella prossima manovra 2019.

Pubblicità

E se gli eventuali aggiustamenti, pro innovazione, potrebbero essere in linea con le richieste di Bruxelles.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto