Boom di domande per le Pensioni a 62 anni con 38 anni contributi, stando al trend registrato nei primi giorni sembra destinata al successo la cosiddetta Quota 100 introdotta dal Governo Conte per consentire a centinaia di migliaia di lavoratori di poter uscire dal lavoro “superando” di fatto la legge Fornero che comunque è ancora in vigore. Almeno in questo senso c’è ottimismo da parte degli esponenti dell’esecutivo, in particolare i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, convinti che la Quota 100 porterà anche migliaia di nuove opportunità di lavoro per i giovani.

Pubblicità

Pensioni, il leader della Lega: ‘Dalle parole ai fatti’

A dare gli ultimi dati aggiornati sulle richiesta di pensionamento con le nuove norme è stato oggi il vicepremier leghista: “Superate – ha scritto Salvini su Facebook - le 20mila domande per Quota 100”. Numeri che il leader leghista dedica “a chi diceva – ha aggiunto - che non si poteva fare”. Invece la Quota 100, così come il Reddito di cittadinanza, sono diventati realtà. Il decreto è già in vigore ed è partito ieri in commissione Lavoro e previdenza sociale al Senato della Repubblica l’iter per la conversione in legge entro 60 giorni. “Dalle parole ai fatti”, ha sottolineato il ministro dell’Interno.

Quota 100, ventimila le domande già presentate all’Inps

Questi, invece, i dati dettagliati e ufficiali forniti oggi dall’Istituto nazionale per la previdenza sociale presieduto da Tito Boeri. Le richiesta di pensione anticipata con Quota 100 già presentate all’Inps, secondo i dati aggiornati alle ore 19 di ieri sera, sarebbero 19.806. Tra le città in cui la Quota 100 è più richiesta c'è Roma, dove le domande già presentate sono 1.777, poi seguono Napoli con 1.008 richieste di pensionamento e Milano, dove le domande presentate fino ad ora sono 748.

Pubblicità

Ecco la situazione in altre città italiane: 633 le richieste presentate a Palermo, 607 a Catania, 534 a Bari; 446 a Salerno, 445 a Torino, 371 a Messina; 319 a Firenze, Lecce e Cosenza; 304 a Cagliari.

Confindustria: 'Considerare equilibri complessivi del sistema'

Intanto, prosegue oggi in commissione Lavoro a Palazzo Madama, con una nuova giornata di audizioni dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali e datoriali, l’iter per la conversione in legge del decretone che oltre al Reddito di cittadinanza e Quota 100 contiene la prosecuzione di Ape social e Opzione donna.

A proposito della Quota 100 è "un provvedimento – secondo il direttore dell'area lavoro e welfare di Confindustria, Pierangelo Albini - che ha una sua positività nel momento in cui introduce un meccanismo di flessibilità delle uscite ma bisogna considerare – ha sottolineato durante l'audizione in commissione Lavoro del Senato - gli equilibri complessivi del sistema".