In Sicilia, così come nel resto d'Italia, i pensionati dei sindacati Cgil, Cisl e Uil preparano il campo per la mobilitazione e per dire un sonoro 'no' alle politiche del Governo nazionale riguardanti il welfare: prima tra tutte il taglio della rivalutazione delle pensioni che è stato uno degli argomenti trattati durante la riunione tenutasi a Palermo e che ha coinvolto le tre segreterie generali.

Incontro tra sindacati

Durante l’incontro, i segretari generali Maurizio Calà, Alfio Giulio e Antonino Toscano, hanno avuto modo di definire alcune di quelle che saranno le azioni da mettere in atto per intraprendere la protesta contro la mancanza di attenzione da parte del Governo Conte colpevole, a detta delle tre sigle, di voler lucrare con i pensionati già duramente colpiti dalla recente legge finanziaria.

Pubblicità
Pubblicità

Gli operai in pensione, infatti, secondo quanto detto dalle tre sigle sindacali, sarebbero la fascia economicamente più debole che l'attuale esecutivo andrebbe a colpire. I segretari, però, assicurano che la Sicilia darà un notevole contributo in termini di presenze attivamente impegnate nella mobilitazione a Napoli.

L'incontro, che si terrà il 9 maggio prossimo con tre assemblee nazionali, si svolgeranno contemporaneamente a Padova, Roma e, appunto, a Napoli: luoghi in cui i pensionati porteranno i nodi determinanti del welfare territoriale e locale e provvederanno ad illustrare le proprie richieste di servizi e diritti che, soprattutto in Sicilia, presentano disfunzionalità in primis nell'ambito sanitario a causa delle infinite liste di attesa per esami medici e visite specialistiche.

Pubblicità

Per tale finalità, i sindacati dei pensionati siciliani hanno richiesto risposte nero su bianco al Governo Musumeci in merito alle istanze di maggiore importanza: l’eliminazione dei costosissimi ticket e la creazione di un tavolo istituzionale che metta faccia faccia le due parti, dedicato ai temi di sanità e salute, con un focus particolare sui temi di assistenza e non autosufficienza.

lnoltre, il prossimo 1° giugno, i pensionati siciliani si riuniranno in piazza del Popolo, a Roma, per una manifestazione nazionale, indetta dalle rispettive sigle sindacali, per chiedere di porre maggiore attenzione ai temi detti precedentemente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Pubblica Amministrazione

Per le segreterie generali, nelle persone di Calà, Giulio e Toscano all'unanimità, non è più concepibile la condizione di disagio in cui versano disabili, anziani e soggetti fragili e le stesse, il 17 maggio a Palermo, porteranno avanti un’iniziativa pubblica, sostenuta dai rispettivi gruppi dirigenti per sollecitare l’assessorato regionale ad attivarsi per movimentare il sistema del welfare nei territori.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto