Arrivano importanti aggiornamenti in merito alle Pensioni d'oro dei parlamentari ed al taglio ai vitalizi deciso dal Governo. Secondo il parere espresso dalla Cassazione, il ricorso presentato dal Professor Paolo Armaroli contro i tagli è da intendersi come rigettato. Nella pratica, il passaggio si traduce in un'ulteriore via libera alla sforbiciata fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, grazie alla quale si otterrà un risparmio di circa 56 milioni di euro l'anno. Nel corso della legislatura, il computo complessivo dovrebbe quindi arrivare a circa 280 milioni di euro.

Taglio ai vitalizi: coinvolte 2700 pensioni d'oro

Elevato il numero di ex parlamentari toccati dal provvedimento. Il taglio andrà infatti a colpire i vitalizi di 2700 persone. Secondo quanto indicato dalla Cassazione, la controversia non può che essere decisa dagli organi dell'autodichia. Quest'ultima caratterizza infatti la particolare autonomia di cui è dotato il Parlamento. Il Prof. Armaroli chiedeva invece che venisse dichiarata come sussistente la giurisdizione giudiziaria ordinaria, oppure in alternativa quella di tipo amministrativo.

Chiarito il passaggio, sulla questione restano però ancora in essere gli oltre 2mila ricorsi presentati direttamente presso la Camera ed il Senato da parte degli ex Parlamentari. Alcuni di questi risultano infatti già accolti, seppure in casi particolari (ad esempio sulla base del grave stato di salute del parlamentare o del coniuge).

Come funzionerà il meccanismo di ricalcolo dei vitalizi

Secondo quanto previsto dal nuovo meccanismo di taglio dei vitalizi, quest'ultimi saranno ricalcolati subendo una riduzione che va da un minimo del 40% ad un massimo del 60%, per proseguire in alcuni casi fino all'80% dell'assegno.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni

Per alcune pensioni d'oro il tutto si tradurrà in una sforbiciata in grado di arrivare alle 5mila euro. Il taglio più elevato sarà subito da circa 11 ex deputati, mentre una riduzione fino al 50% colpirà circa 700 ex parlamentari.

Di Maio su Facebook: 'Oggi è arrivata una bellissima notizia'

In merito alla decisione della Cassazione è arrivato tramite Facebook anche il commento del Vice Premier Luigi Di Maio, che ha parlato di "una bellissima notizia". Secondo il leader del Movimento 5 Stelle, "sui vitalizi e sulle indennità parlamentari decidono solo gli organi dell’autodichia, a garanzia dell’autonomia del Parlamento.

E gli Uffici di Presidenza delle Camere, anche grazie ai nostri portavoce, hanno deciso di tagliare questi privilegi assolutamente iniqui". Il Ministro del Lavoro ha quindi ricordato i 280 milioni di euro di risparmi che si verranno a realizzare. Denaro che sarà destinato "in favore degli italiani".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto