Novità in arrivo per le Pensioni anticipate a quota 100: l'Inps predisporrà i controlli sulla presenza di redditi, da lavoro dipendente o anche autonomo, non cumulabili con l'assegno pensionistico per chi dovesse andare in pensione con la nuova formula. Il vincolo e l'incumulabilità dei redditi vige fino al compimento dell'età di 67 anni, ovvero per tutta la durata della pensione anticipata fino alla maturazione di quella di vecchiaia.

Per i controlli, l'Inps verificherà la posizione dei pensionati con i dati dell'Agenzia delle entrate, andando a riscontrare che i nuovi pensionati con quota 100 non svolgano attività di lavoro autonomo o dipendente, escluso il caso in cui si tratti di lavoro meramente occasionale che produca un reddito lordo fino a cinquemila euro annuo.

Pensioni anticipate con quota 100: controlli cumulo redditi, novità nota Inps

A spiegare i nuovi limiti della pensione anticipata a quota 100 è la recente circolare dell'Inps, la numero 117 del 2019, con la quale i pensionati che siano usciti da lavoro con almeno 62 anni di età e 38 di contributi dovranno anche compilare il nuovo modello "Quota 100" nel quale dovranno dichiarare l'eventuale svolgimento di attività lavorative, oltre alla pensione percepita.

La dichiarazione del contribuente fa fede dal giorno di decorrenza della pensione anticipata con quota 100 fino alla maturazione della pensione di vecchiaia, fissata a 67 anni nel 2019 e nel 2020. Nello specifico, spiega la circolare Inps, il divieto di cumulo delle pensioni con la nuova modalità di uscita con altre attività lavorative vige fino al giorno di compimento della pensione di vecchiaia, ovvero fino al compleanno dei 67 anni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Inoltre, per lavoro autonomo dovrà essere intesa l'attività lavorativa svolta senza vincoli di subordinazione. Il cumulo dei redditi è permesso, invece, per il lavoro autonomo occasionale, purché il compenso annuo sia non superiore ai cinquemila euro lordi. Il limite vale anche per i redditi prodotti nell'anno in cui maturerà la pensione di vecchiaia, per i mesi precedenti e successivi al compimento dei 67 anni.

Uscita pensione anticipata: ultime notizie oggi sul nuovo modello Inps quota 100

Nella circolare dell'Inps dei giorni scorsi relativa alle interpretazioni sulla cumulabiltà dei redditi con le pensioni anticipate a quota 100 è riportata la dichiarazione da produrre nel modello "quota 100", attualmente non ancora disponibile, inerente allo svolgimento di una qualsiasi attività lavorativa svolta negli anni della pensione anticipata (massimo dai 62 ai 67 anni) dalla quale possano derivare redditi non cumulabili con l'assegno pensionistico.

Il modello non va compilato nel caso in cui si prevede di svolgere attività lavorative occasionali con compensi minori rispetto ai cinquemila euro lordi all'anno. Il controllo dell'Inps verrà fatto incrociando i dati dichiarati con quelli in possesso dell'Agenzia delle entrate e di tutte le altre banche dati disponibili.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto