La Regione Campania ha reso operativo il portale che consente di iscriversi e poi inoltrare la domanda per ottenere il bonus 1000 euro. Tale misura rivolta a tutti i professionisti e i lavoratori autonomi fa parte delle iniziative contenute nel Piano per l'Emergenza Socio Economica da 908 milioni di euro varato dalla Campania per fronteggiare gli effetti della crisi dovuta all'emergenza sanitaria da Covid-19. Anche a favore delle piccole e medie imprese artigiane, commerciali, industriali infatti è stata accordata la concessione di un bonus una tantum a fondo perduto di 2mila euro purché anche loro siano state colpite dalla stessa crisi economico-finanziaria.

L'obiettivo è quello di offrire alle fasce più deboli un concreto aiuto per affrontare al meglio le conseguenze negative di settimane di stop dell'attività lavorativa.

Chi può presentare la domanda per ottenere il bonus e chi no

Possono presentare la domanda tutti i liberi professionisti, che svolgono la professione 'in via esclusiva' e sono in possesso di partita Iva, attiva alla data del 23 febbraio 2020, che sia stata aperta almeno dal 2019. Inoltre devono essere iscritti all’albo professionale ed alla relativa Cassa previdenziale privata ovvero alla gestione separata INPS. Bisogna poi attestare di aver fatturato nell’anno 2019 un reddito inferiore ad euro 35.000. Bastano questi requisiti per accedere al bonus, che viene riconosciuto a prescindere, senza l'onere di dimostrare di aver subito una riduzione o cessazione dell'attività a causa dell’emergenza sanitaria provocata dal Covid-19.

I professionisti associati di studi professionali associati in fase di registrazione al sistema devono precisare di essere partecipante a studio associato, indicandone la denominazione e la P.IVA.

Non possono presentare domanda per il bonus invece:

  • coloro che hanno aperto la partita Iva dal primo gennaio 2020
  • coloro che non sono in possesso di Partita Iva
  • gli iscritti Enasarco, i titolari di pensione, i lavoratori dipendenti
  • i lavoratori autonomi che non esercitano attività professionali, iscritti alle sezioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria dell’INPS.

Come presentare la domanda e quando

Dopo la pre-iscrizione la domanda vera e propria per l'accredito dell'indennizzo, potrà essere presentata, a partire dalle ore 10 del giorno 24 aprile 2020 fino alle ore 15.00 dell'8 maggio 2020, salvo proroghe.

La presentazione delle domande può avvenire esclusivamente online e a mezzo PEC. Per accorciare i tempi è necessario anche avere una firma digitale. L’erogazione del contributo a fondo perduto avverrà su Iban del conto corrente bancario o postale, anche cointestato con esclusione delle carte prepagate postepay evolution o simili.

Il divieto vale anche per i titolari di un libretto postale smart.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Offerte Di Lavoro
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!