Un lockdown rigido su tutto il territorio nazionale, come a marzo e aprile 2020, anche se di durata limitata. Sarebbe questa la strategia contro la pandemia da Covid-19 da seguire secondo il consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, Walter Ricciardi. Quest'ultimo sostiene "la necessità di proporre al Governo tre cose, anche alla luce del problema delle varianti: lockdown breve e mirato; tornare a testare e tracciare; vaccinare a tutto spiano". Ricciardi, parlando di Speranza, ha dichiarato ad Adnkronos: "Credo sia convinto di avviare questa nuova fase e spera che il presidente del Consiglio recepisca e vada in questa direzione; questo ci consentirà di tornare alla normalità in mesi, non in anni".

Dati contagi Covid: in salita

Nel bollettino del 15 febbraio sono stati registrati 7.351 nuovi casi e 258 morti per Covid-19 (con la variante inglese presente nel 20% dei contagi). Per l'Istituto superiore di sanità occorre rafforzare le misure contro la variante inglese. Walter Ricciardi e Andrea Crisanti (ordinario di microbiologia all'Università di Padova) sono in prima linea nel sostenere un nuovo lockdown duro con chiusura di tutta l'Italia per un periodo da due a quattro settimane. Inoltre per il Giorgio Palù: "Se terremo a bada il virus nei prossimi due-tre mesi, forse usciremo dal raggio della sua minaccia". Contrari alla chiusura Salvini, Meloni e Toti. Il leader della Lega Matteo Salvini, ha commentato, riferendosi alle parole di Ricciardi: "Prima di terrorizzare gli Italiani, fai il favore di parlarne con il presidente del Consiglio".

Preoccupazione per la variante inglese

Desta preoccupazione ormai anche in Italia la variante inglese, ma il vero problema sarebbe la mancanza di un piano nazionale di sorveglianza sulle nuove varianti del virus, più mortali e contagiose. Per questo motivo la conclusione di Ricciardi sarebbe quella di chiudere tutto per qualche settimana.

Non è della stessa opinione Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di Microbiologia clinica dell'ospedale Sacco di Milano: "Un lockdown severo oggi potrebbe apportare benefici in termini di prevenzione della circolazione delle nuove varianti, ma sarebbe un disastro dal punto di vista psicologico, sociale nonché economico".

In attesa di capire se l'Italia andrà incontro a una nuova chiusura a livello nazionale, è stato prorogato lo stop agli spostamenti tra Regioni fino al 25 febbraio.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!