Le norme sullo svolgimento dei concorsi pubblici sono cambiate in virtù di un nuovo specifico protocollo. È stata infatti pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 31 maggio, l'ordinanza del Ministero della Salute che provvede a modificare il vecchio Protocollo sull'organizzazione dei bandi pubblici del 15 aprile 2021. Fra le novità principali contenute nel protocollo rientra in primis la durata delle prove: i test e le prove orali in presenza non potranno superare l'arco delle tre ore.

Nuovo protocollo bandi pubblici, varrà fino al 31 dicembre 2022

Il nuovo protocollo sui Concorsi Pubblici, introdotto per alleggerire le vecchie restrizioni, resterà in vigore fino al 31 dicembre 2022, salve proroghe successive. Si evidenza che il raggio di applicazione del presente protocollo non si estende alle procedure di reclutamento del personale in regime di diritto pubblico.

Fra gli altri punti del protocollo figura il venir meno dell’obbligo di presentare il referto di un tampone negativo nelle 48 ore precedenti rispetto alla prova. I candidati, inoltre, devono entrare nei luoghi dove si svolge la prova da soli, per evitare assembramenti. Qualora dovessero sottostare a un regime di isolamento perché positivi, non potranno sostenere le prove concorsuali.

Saranno inoltre sempre tenuti a indossare mascherine Ffp2 o Ffp3 messi a disposizione dall'amministrazione pubblica organizzatrice. L'obbligo vige fino al termine della prova. Anche gli addetti alle varie attività concorsuali devono sottoporsi a una adeguata igiene delle mani per poi indossare la mascherina. Le medesime cautele trovano applicazione rispetto ai membri delle commissioni esaminatrici.

Gli addetti ai controlli inoltre dovranno evitare di permanere in prossimità dei candidati a distanze inferiori a un metro.

Tracce comunicate verbalmente tramite l'autoparlante

Un'altra novità riguarda la comunicazione delle eventuali tracce della prova che avverrà verbalmente tramite altoparlante. Sarà vietato il consumo di alimenti, salvo le bevande.

Fra il bando di un candidato e l'altro dovrà esserci una distanza minima di un metro. Durante l’orario d’esame sarà permesso l’allontanamento dalla propria postazione esclusivamente per recarsi ai servizi igienici o per altri motivi indifferibili. Infine le singole amministrazioni organizzeranno le sessioni giornaliere di svolgimento delle prove separandole temporalmente al fine di garantire il completo deflusso dei candidati e le quotidiane operazioni di pulizia.