Una forte ondata di maltempo sta colpendo la Puglia in queste ore. Si registrano forti grandinate, raffiche di vento e piogge intense in varie zone della regione, in particolare tra il capoluogo Bari e Brindisi.

Proprio in questo tratto, all'altezza di San Vito dei Normanni, un guasto causato dal maltempo ha interessato la linea ferroviaria adriatica che collega Lecce ai capoluoghi del nord Italia causando notevoli disagi e rallentamenti alla circolazione.

Il guasto si è verificato alle 7 e 10 di questa mattina e il primo treno interessato dai ritardi è stato il frecciabianca Lecce-Venezia Santa Lucia che viaggia con circa 180 minuti di ritardo.

Interessati anche alcuni intercity e altri frecciabianca per Milano Centrale e Torino Porta Nuova. Tutti fanno registrare ritardi compresi fra i 90 e i 180 minuti di ritardo.

I treni coinvolti sono principalmente quelli partiti durante la mattinata da Lecce mentre si registrano meno problemi per i treni provenienti da nord col Frecciarossa Milano-Lecce che ha contenuto a 40 minuti il ritardo.

La circolazione, fanno sapere dalla sala stampa di Ferrovie dello Stato, sta gradualmente tornando alla normalità e l'inconveniente tecnico è stato definitivamente risolto intorno alle ore 14. Nel pomeriggio, quindi, tutti i treni dovrebbero viaggiare con una certa regolarità.

La perturbazione meteo che sta interessando la Puglia meridionale dovrebbe attenuarsi definitivamente nella giornata di domani per lasciare spazio al ritorno dell'estate calda, bruscamente interrotta dall'arrivo del violento ciclone settentrionale che sta provocando numerosi disagi anche alla viabilità stradale.

I migliori video del giorno

Già in serata è previsto un generale miglioramento della situazione con indebolimento delle precipitazioni.

L'ondata di maltempo ha colpito la Puglia proprio nel momento di arrivo di migliaia di vacanzieri per la settimana di ferragosto, quella in cui si registrerà un vero e proprio record di presenze turistiche, soprattutto nelle località balneari della penisola salentina.