La casa automobilistica BMW, in procinto di superare FCA quanto a vendita continentali entro il 2019, magari anche grazie al ricorso ad auto sostenibili, ha rinnovato il Suv coupé Bmw X4 M sia nel design che nella sostanza, a livello prestazionale, mettendo l’uno al servizio dell’altro. Nel primo caso, la nuova aerodinamica si caratterizza per i tipici paraurti esagonali sormontati da due griglie gemelle per la presa d’aria, con i lati che presentano delle minigonne, all’altezza dell’asse del veicolo, tra gli pneumatici posteriori più grandi (265/45) di quelli anteriori (255/45) nonostante la comune presenza di cerchi da 20 pollici, ed il retro che monta – lateralmente all’estrattore – 4 importanti scarichi.

Se gli esterni colpiscono in ragione del look massiccio e dell’approccio muscolare, senza dimenticare il perimetro del Bmw X4 M esaltato anche sull’asfalto da una profusione di LED, gli interni non sono da meno: i sedili, settabili in 13 posizioni diverse con tanto di cuscino sottogamba, risultano avvolgenti al limite dell’auto da corsa, ma anche gratificanti nei lunghi tragitti, visto che sia lo schienale che la seduta – traforati – si avvalgono di ventilazione e riscaldamento attivi. Il volante è un M-Sport, mentre la pedaliera, redatta in alluminio, non teme l’uso deciso.

Bmw X4 M: arrivano potenza e prestazioni

Guidando un Bmw X4 M, però, le soddisfazioni maggiori arrivano dalla guida, grazie a quello che non si vede, ovvero alla meccanica ed alla motoristica. Il colosso teutonico, per il suo nuovo Suv potenziato dalla divisione Motorsport, ha mutuato dalla Bmw X3 M il propulsore termodinamico a 6 cilindri allineati da 3.0 litri, presieduto da un turbocompressore single-scroll, capace di mettere su strada una potenza di 480 cavalli vapore, ed una coppia motrice pari a 600 Newton metri, gradualmente in virtù del cambio del cambio automatico calibrato da Steptronic secondo una scala di 8 marce, su ogni terreno possibile, anche il più impervio, ricorrendo alla trazione integrale M xDrive, ed alle sospensioni adattive M con controllo elettronico regolabile.

Potenza meccanica e tecnologica

Le prestazioni del Bmw X4 M sfidano quelle di un’auto sportiva come dimostrato dal fatto che, nonostante il physique du rôle da fuoristrada (poco più di 2 tonnellate di peso), si toccano i 250 km/h di velocità massima, con autolimitazione elettronica (in assenza della quale, si arriva a 280 km/h), con uno scatto da fermo a 100 km/h che avviene in 4.1 secondi. Il tutto ben contenuto da un impianto frenante di alto livello, con pinze a pistoni singoli chiamati a intervenire sul retrotreno mentre, sull’avantreno, operano delle pinze a quattro pistoncini.

Ovviamente, tanta qualità si paga in modo adeguato: Bmw X4 M parte 138.415 euro, incrementabili di ulteriori 8.643 optando per il pacchetto da competizione: quest’ultimo, stigmatizzato esteriormente dal nero lucido applicato a scarico e griglie, oltre che da cerchi in lega elevati a 21 pollici (con styling a V), e – all’interno – da sedili sportivi M in pelle Merino, getta la maschera e guarda sfacciatamente ai record grazie ad una potenza incrementata fino a 510 Cv, ben evidenziati acusticamente dalla voce roca dello scarico sportivo, e a uno scatto da 0 a 100 km/h ridotto a 4 secondi netti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto