Hanno tenuto per diverso tempo in ostaggio il proprietario della gioielleria, minacciandolo di morte qualora fosse entrato qualche agente di Pubblica Sicurezza della Polizia di Stato, così da impedire - di fatto - l'intervento delle forze dell'ordine. Poi, per darsi alla fuga, hanno utilizzato alcuni fumogeni, in modo da allontanarsi senza problemi e soprattutto senza essere visti e seguiti. Una rapina con scena stile film americano quella avvenuta nella giornata di ieri a Napoli, nella celebre gioielleria 'Trucchi', sita in piazza Santa Caterina a Chiaia, poco distante dalla centralissima Piazza dei Martiri e dalla libreria Feltrinelli del capoluogo partenopeo. A mettere a segno il colpo è stata la cosiddetta 'banda del buco'.

Pubblicità
Pubblicità

Il racconto dei fatti

A compiere il raid criminale sono stati quattro malviventi armati sino ai denti che si sono introdotti nell'esercizio commerciale attraverso i tubi delle condutture della rete fognaria cittadina. Dopo aver messo a segno l'incursione, il cui ammontare del bottino rimane ancora in corso di accertamento, i rapinatori sono scappati seguendo la stessa strada che avevano percorso per entrare nei locali, ovvero attraverso il sottosuolo, sebbene uno dei delinquenti - probabilmente il 'palo' che aspettava all'esterno - è stato visto da alcuni testimoni oculari mentre si allontanava a piedi.

Pubblicità

All'interno della gioielleria sono stati effettuati i rilievi del caso da parte della sezione scientifica della Polizia. Tanta paura e apprensione per i clienti presenti all'interno del negozio e per i passanti e turisti che si sono visti coinvolti - loro malgrado - un una rapina con ostaggio di quelle che si vedono soltanto al cinema.

La banda del buco

In meno di sette giorni questo è il terzo colpo portato a termine dalla 'banda del buco', gruppo di banditi, veri e propri professionisti del crimine, così denominati dalle forze dell'ordine e dall'opinione pubblica proprio per la tecnica utilizzata per entrare negli edifici da rapinare: essi, infatti, attraverso un sofisticato sistema di studio e di scavo, riescono ad attraversare cunicoli e strettoie della rete fognaria napoletana per introdursi negli esercizi commerciali, di volta in volta bersaglio delle loro incursioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Con la medesima strategia sono stati messi a segno i colpi - tutti ben articolati nei minimi dettagli - prima presso un istituto di credito bancario in piazza Carità a Napoli e poi nella sede dell'ufficio centrale di Poste Italiane in via Giovanni Pontano. Intanto, proseguono le indagini delle forze dell'ordine per risalire all'identità dei criminali della 'banda del buco'.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto