E’ delle ultime ore la notizia della possibilità diannullamento dei Test di medicina 2014, svoltisi lo scorso martedì 8 aprile inmoltissime Università italiane. Ad annunciare la notizia è stata la Digos,protagonista del ritrovamento di alcuni documenti apparentemente “manomessi”presso l’Università di Bari. Nonostante i sospetti siano circoscritti all’ateneopugliese, il carattere nazionale del test di medicina potrebbe rendere nulletutte le prove svolte in Italia.

Cos’è realmente successo per giustificare l’annullamento deltest di Medicina 2014? Secondo le ultime notizie la Digos avrebbe ritrovato unamanomissione ad una scatola contenente le prove.

In ogni contenitore erainfatti prevista la presenza di 50 schede ma nella scatola in questione i testpresenti erano solamente 49. Questo ritrovamento spingerebbe all’ipotesi di unfurto per agevolare alcuni aspiranti medici, che grazie ad alcuni spifferiavrebbero potuto conoscere in anticipo tutte le domande del compito 2014.

Antonio Auricchio, rettore dell’ateneo, ha subito precisatoche l’errore è stato solamente tecnico in quanto la scheda mancante non sarebbestata rubata ma solamente riposta nel contenitore sbagliato. Se questa versionevenisse però smontata ed il furto fosse certificato, il rischio annullamentodiventerebbe molto alto e concreto. In queste ore alcune associazioni degli studenti si stannogià muovendo, chiedendo il controllo accurato di tutte le documentazioni ed ilsequestro di tutti i test di ammissione inoltrati al Cineca.

Segui la nostra pagina Facebook!