In questi ultimi mesi si è verificata una vicenda drammatica nella provincia di Napoli, e precisamente a Sant'Antimo, dove due maestre hanno commesso degli atti di violenza nei confronti degli alunni. Le due insegnanti sono state scoperte grazie all'aiuto delle telecamere, che si sono rivelate fondamentali per dimostrare la colpevolezza delle donne. I giudici, dopo aver fatto una serie di valutazioni, hanno preso una decisione importante, sospendendo per circa 12 mesi dall'incarico le due insegnanti.

Si tratta di una punizione troppo riduttiva, visto che il lavoro dell'insegnante, e in particolare della maestra, deve essere prima di tutto una passione di stare con i bambini. Comportamenti del genere dovrebbero essere bastevoli per togliere un incarico di questo tipo a delle insegnanti che hanno dimostrato di non poter fare questo lavoro. Le due maestre, la cui identità non è stata resa nota, hanno rispettivamente 62 e 63 anni, dunque sono vicine al pensionamento: per questo motivo sarebbe stato più giusto togliere loro l'incarico definitivamente.

Inoltre si deve fare un plauso per il lavoro svolto dai militari che hanno piazzato delle telecamere nella scuola, proprio per evitare che passassero inosservati comportamenti di questo tipo.

I genitori hanno fatto la scelta giusta presentando le denunce

Grazie all'aiuto delle telecamere, è stato possibile vedere le due maestre che insultavano i bambini, percuotendo e strattonando i bambini con eccessiva violenza.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Le insegnanti sono arrivate addirittura a tirare i capelli agli alunni e di conseguenza i giudici dovevano prendere una decisione più ferrea nei confronti di educatori scolastici che dovrebbero essere d'esempio. Da molti mesi c'erano dei sospetti sullo strano comportamento delle due insegnanti che hanno fatto vivere dei momenti drammatici agli alunni. Le indagini intorno a questa vicenda hanno avuto inizio a partire dallo scorso mese di novembre, quanto sono state presentate delle denunce da parte dei genitori dei bambini.

Le indagini della polizia

I familiari degli alunni della scuola d'infanzia di Sant'Antimo si sono insospettiti, dopo aver fatto i conti con i continui disagi dei bambini e i conseguenti sbalzi di umore che hanno cominciato a preoccupare le famiglie. I genitori hanno pensato che lo strano comportamento dei figli fosse da ricondurre a quanto successo nell'ambiente scolastico e hanno fatto una giusta valutazione, aiutando le forze dell'ordine a fare il loro lavoro.

Al tempo stesso si deve dire che questa vicenda è durata circa cinque mesi, nel corso dei quali le indagini hanno avuto uno sviluppo positivo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto