Chi credeva che la decadenza di Berlusconi da Senatore avrebbe sancito il definitivo tramonto della sua era continua ad essere sconfessato dai sondaggi, che dopo la scissione del PdL (con il ritorno di Forza Italia e la creazione del Nuovo Centrodestra di Alfano) e la decadenza stessa dell’ex premier non fanno che certificare una progressiva ascesa di consensi per il centrodestra.

Sondaggi politici elettorali: decadenza Berlusconi fattore aggregativo

Stando al sondaggio realizzato dall’Istituto Ixè per Agorà (Rai 3), in seguito alla decadenza di Silvio Berlusconi Forza Italia ha guadagnato 3,3 punti in più, con la fiducia nell'ex premier addirittura salita di 6 punti percentuali. Quella in corso a proposito dei consensi per Forza Italia, è stata etichettata come “un’ impennata emotiva”, un moto di orgoglio e un senso di appartenenza al partito che la vicenda della decadenza ha contribuito a rinsaldare portando i consensi al movimento di Berlusconi dal 17,3 al 20,6%.



“Oltre alla sostanziale sparizione del Centro” - ha affermato il presidente di Ixè, Roberto Weber - assistiamo al costante incremento del  numero di indecisi o astenuti, che ormai sfiora il 45%”. Stando sempre alle tavole elaborate dall’Istituto, il Pd rimane comunque il primo partito davanti al Movimento 5 Stelle (26,7% e 24,5% rispettivamente), ma entrambi registrano un calo di circa mezzo punto percentuale a vantaggio proprio di Forza Italia. In buona sostanza viene dunque confermato l’andamento già prospettato la scorsa settimana dal sondaggio elaborato da Ipsos e presentato durante la trasmissione in onda su Rai 3 Ballarò.

Sondaggi politici di Swg, Tecnè ed Euromedia: scissione PDL mossa vincente

Continuano ad arrivare conferme anche sul fronte scissione, con numerosi istituti a confermare come la scelta di scindere il PDL in Forza Italia e Nuovo Centrodestra sia stia rilevando vincente; i sondaggi di Swg, Tecnè ed Euromedia sottolineano infatti come Forza Italia conservi gli stessi voti che aveva il PDL prima, mentre il Nuovo Centrodestra (attestato fra il 3,7% di Euromedia e il 6,9% di Tecnè) guadagna voti al centro.



Stando sempre al sondaggio di Euromedia, il centrodestra sarebbe in vantaggio di 4-5 punti percentuali sul centrosinistra; anche in questo caso risultano dunque confermate le prime proiezioni elaborate da Ipsos e Demopolis per le trasmissioni televisive Ballarò di Rai 3 e Otto e mezzo di LA 7.