L'Italia, in piena crisi socio-economica, ma a nostro parere soprattutto di idee, si avvia tra molti dubbi alle urne europee venendo da un primo maggio 2014 - festa dei lavoratori - che quest'anno ha messo tristemente in luce il rovescio della medaglia lavoro che si chiama disoccupazione giovanile, autentica piaga sociale di un Paese in evidente difficoltà; di seguito vi daremo l'esito dei "Sondaggi politici Tecnè maggio 2014", come sempre molto interessanti.

Ricordiamo che le Europee 2014 si terranno il 25 maggio e si potrà votare solo dalle 7:00 alle 23:00: si cerca di stringere la cinghia anche su questo aspetto in quanto come sappiamo le elezioni hanno il loro costo.

Ma vediamo cosa dicono in merito i sondaggi Tecnè, che possono fornirci qualche elemento valutativo in più.

Emerge un trend positivo di M5S. Il nuovo movimento, fenomeno più unico che raro a livello europeo, potrebbe addirittura incassare il pieno dei consensi assestandosi sul 30% potenziale circa, dato che sono per Tecnè al 27,4% ma ci sono ancora oltre 20 giorni di tempo per andare a convincere gli indecisi e gli astensionisti cronici. Da fine marzo i cosiddetti "grillini" hanno guadagnato ben 6 punti percentuali e non ci pare davvero poco, anche se maturati per l'evidente inconsistenza dei concorrenti. Non è un dettaglio di poco conto.

La scalata targata M5S continua

Altri risultati significativi: il Partito Democratico scende per Tecnè dal 29,2 al 28,9%. Una conseguenza della politica di Matteo Renzi, pare di capire, che per ora non ha oggettivamente prodotto risultati particolarmente apprezzabili e che dà a volte la sensazione di non avere capito fino in fondo la lunghezza dei tempi burocratici di approvazione dei singoli provvedimenti che lui stesso si propone di accorciare.

I migliori video del giorno

Ci riuscirà? Ne dubitiamo, per avere già molte volte visto questo "film".

Forza Italia resta al 21,3% dell'ultimo sondaggio facendo registrare un risultato tutto sommato accettabile considerando i noti guai giudiziari di Silvio Berlusconi che politicamente parlando non sta certo vivendo le sue migliori stagioni.

Attenzione ai progressi fatti registrare dalla Lista Tsipras che dal 3,7% passa al 3,8% a soli 0,2 punti percentuali dalla soglia di sbarramento che le permetterebbe di entrare nel Parlamento Europeo, almeno secondo quanto evidenziato dai Sondaggi politici Tecnè maggio 2014.