Ieri lo storico (insieme a Emma Bonino) leader dei Radicali Marco Pannella ha sospeso l'ennesimo sciopero della fame e della sete avviato insieme ad altre 200 persone per protestare contro lo stato di abbandono in cui versano i carcerati. Nella fattispecie, per il loro diritto alle cure specifiche, spesso negate o concesse troppo in là nel tempo; quando magari è già troppo tardi.

Sono anni ormai che i Radicali si battono per queste tematiche, anche riguardanti il sovraffollamento delle carceri (per il quale l'Italia ha incassato varie ramanzine dall'Ue e da Amnesty International) e avanzando più volte la richiesta di un'amnistia.

Alle elezioni politiche dello scorso anno, i Radicali si presentarono proprio con un simbolo riportante questa richiesta sulla scheda elettorale. Per quella che in gergo viene chiamata "lista-scopo".

Ma tornando alla sospensione dello sciopero decisa ieri, Pannella ha specificato, tramite videomessaggio, che si tratterà di 24-36 ore, perché sa che per esperienza l'organismo reagisce dopo tale periodo. Ma c'è qualche ragione di fondo ben più grave, come ha riportato il Corriere della sera. "L'ipotesi è che si tratti di un fatto tumorale. Tutti sanno che c'è una gamma articolata e diversa di fenomeni, si tratta di capire quale", ha spiegato Pannella precisando che il tempo previsto per i risultati è di "nove, dieci giorni", come ha detto a Radio Radicale.

I medici hanno infatti deciso di praticare una biopsia.

Il coraggio del loro leader sopperisce per i Radicali la mancanza di una presenza sia nel Parlamento italiano che, storicamente, da quest'anno anche in quello europeo. Il loro seguito elettorale, dopo il discreto successo degli anni '70 (grazie a battaglie vinte quali l'aborto, il divorzio e l'obiezione di coscienza) è venuto via via calando dagli anni '80 per poi ridursi al lumicino con l'arrivo del bipolarismo a inizio anni '90.

Alle elezioni del 2008 solo un'alleanza col Partito democratico gli permise di avere cinque deputati alla Camera. Un accordo saltato però pochi mesi dopo le elezioni.

Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!