Decreto svuota carceri e disegni di legge per amnistia e indulto 2014 mentre va avanti il dibattito politico e parlamentare sulla riforma giustizia 2014 del Governo Renzi. Nuova settimana parlamentare ricca di importanti appuntamenti sul fronte del sovraffollamento carceri e dei problemi del "sistema giustizia" in Italia.

Il decreto svuota carceri (indulto mascherato?) approda al Senato della Repubblica

Il cosiddetto decreto svuota carceri targato Renzi - Orlando, oltre a sconti di pena del 10 per 10% e risarcimenti in denaro ai detenuti che hanno sofferto il sovraffollamento carceri prevede anche il divieto di disporre la misura cautelare in carcere per reati la cui pena prevista è nel massimo di tre anni.

Anche questa norma che interviene sulla misura cautelare dovrebbe contribuire al ridimensionamento delle presenza in carcere, così come la legge sulle pene alternative e la messa in prova ai servizi sociali e ai lavori di pubblica utilità già varata dal Parlamento. Il ddl di conversione in legge del decreto Renzi - Orlando, che ha già avuto il via libera in prima lettura dalla Camera dei Deputati, approda già lunedì 28 luglio nelle commissioni Affari costituzionali e Giustizia del Senato della Repubblica, rispettivamente presiedute dalla senatrice Anna Finocchiaro (del Pd di Matteo Renzi) e dal senatore Francesco Nitto Palma (di Forza Italia di Silvio Berlusconi).

Indulto e amnistia, riforma della Giustizia: Orlando di nuovo in commissione al Senato

Sia sul ddl di conversione del decreto svuota carceri - che viene considerato dalle opposizioni un 'indulto mascherato' - sia sui ddl per indulto e amnistia il cui esame riprende martedì 29 luglio in commissione Giustizia a Palazzo Madama ci sarà la dura battaglia del Movimento 5 stelle di Beppe Grillo, della Lega Nord di Matteo Salvini e di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale di Giorgia Meloni.

Tra gli appuntamenti importanti della nuova settimana parlamentare che va da lunedì 28 luglio a venerdì 2 agosto c'è l'audizione del ministro della Giustizia Andrea Orlando in commissione Giustizia al Senato dove il guardasigilli tornerà per fare il punto della situazione sul sovraffollamento carceri e sulla riforma della giustizia che il Governo Renzi vorrebbe approvare entro settembre.

Riforma giustizia 2014: non sarà facile approvarla entro settembre

E' composta da 12 punti la riforma della giustizia del Governo Renzi illustrata nei giorni scorsi a Palazzo Chigi dal premier Matteo Renzi insieme al ministro della Giustizia Andrea Orlando (Pd) e al ministro dell'Interno Angelino Alfano (Ncd). Riduzione dei tempi dei processi civili, dimezzamento dei procedimenti arretrati, priorità ai procedimenti che riguardano imprese e famiglie sono alcuni dei punti della riforma della giustizia per quanto riguarda la giustizia civile.

Poi la riforma giustizia 2014 su cui è stato aperto il dibattito punta anche a nuove norme sulla responsabilità civile dei giudici, e alla riforma della magistratura amministrativa e della magistratura contabile. Nuove norme anche per quanta riguarda il Csm e quindi le carriere dei giudici; previste pene severe per i reati di falso in bilancio e autoriciclaggio, e viene sostanzialmente vietata la pubblicazione delle intercettazioni ambientali e telefoniche contenute in atti giudiziari. Questi, in linea generale, i 12 punti della riforma della giustizia del Governo Renzi: ma il guardasigilli Andrea Orlando ha già fatto sapere di aver trovato "forti resistenze". Non sarà facile arrivare all'approvazione della riforma giustizia entro settembre così come vorrebbe il premier Renzi.

Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!