Renzi non perde un colpo: questo è il titolo che si potrebbe fare analizzando l'ultimo sondaggio pubblicato da IXE'. Il presidente del Consiglio riesce a godere della fiducia di gran parte degli italiani portando a casa cifre mai raggiunte dalla sinistra in tutta la storia repubblicana. Il Partito Democratico continua a crescere arrivando al 42,7% dei consensi. Il 45,9% della coalizione viene ottenuto sommando al primo partito d'Italia Scelta Civica con l'1,1% e Sinistra Ecologia e Libertà al 2,1%.

Pubblicità
Pubblicità

Il partito di cui Vendola è il massimo esponente continua a perdere consenso non riuscendo a dare una svolta al governo ma avendo, con la sua opposizione, avvicinato sempre di più Renzi a Berlusconi. Scelta Civica è ormai la brutta figura del movimento che riuscì a raccogliere l'8% alle politiche del 2013. Rispetto ad una settimana fa, la sommatoria dei partiti che fanno capo al centro-sinistra vedono un leggero ribasso come coalizione (-0,1%).

Pubblicità

Perde anche la coalizione di centro-destra che si presenta con il 29,3% dei consensi subendo un netto ribasso (-0,4%). La Lega Nord riesce a guadagnare tre decimali riuscendo ad attestarsi al 7,5% mentre Forza Italia è un movimento che continua a svuotarsi perdendo mezzo punto percentuale e precipitando al 15,6%. L'assoluzione completa di Berlusconi non rinvigorisce un movimento che si presenta ancora poco identitario in assenza del suo leader storico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Renzi Silvio Berlusconi

Fratelli d' Italia e l'UDC perdono gli stessi decimali (-0,1%) e si attestano rispettivamente al 2,5% e all'1,1%. Continua l'emorragia elettorale del Nuovo Centro-Destra: il partito partiva dal 4% delle elezioni europee ed ha raggiunto il 2,6% tenendo presente che NCD ed UDC si sono presentate con una lista unica.

Il Movimento 5 Stelle non riesce a far fruttare la sua opposizione in Parlamento per guadagnare punti percentuali.

Il movimento di Beppe Grillo perde decimali importanti (-0,5%) e si attesta 19,7% confermandosi come terzo punto di riferimento politico del Belpaese e secondo partito dietro al PD. Fiducia nei leader che vede sovrastare Matteo Renzi con il 51%, Napolitano al 36%, Grillo in crescita al 21% mentre Salvini e Berlusconi al 19%.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto