Finisce in polemica un'assemblea per il Sì al referendum costituzionale organizzata dal Pd a Pisa, nella sede della ex circoscrizione nel quartiere di San Giusto, nella serata del 31 ottobre.

Al dibattito era presente come ospite d'onore Luigi Berlinguer, già Ministro della Pubblica Istruzione e più volte parlamentare, il quale nel proprio intervento ha scandagliato tutti gli aspetti a suo avviso positivi della riforma costituzionale. Fra il pubblico, composto da circa 70 persone, era presente anche il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi assieme a due assessori della sua Giunta.

Ma vi erano anche diversi sostenitori del No alla Riformae al momento in cui il microfono è stato aperto al pubblico per domande o interventi, uno studente universitario ha iniziato a parlare evidenziando molti aspetti a suo avviso negativi della riforma, argomentando anche sulle difficoltà sociali ed economiche che la propria generazione si trova a vivere. Dopo poco menodi 2 minuti dall'inizio del suo intervento, sempre più evidentemente critico con quanto era stato affermato fino ad allora, si è iniziato a levare in sala un brusio e ben presto lo studente è stato interrotto verbalmente, sia da parte di alcune persone del pubblico che da parte di alcuni degli organizzatori. A quel punto di fatto l'assemblea si è interrotta.

I toni si sono accesi ed è scoppiato un piccolo diverbio, mentre lo studente è stato di fattoprivato del microfono. Intanto alcuni altri militanti del Pd hanno provato a riportare la calma, esortandogli organizzatori a far riprendere il confronto e a permettereal giovane "dissidente" di concludere il proprio intervento. Ma così non è andata e ben presto i quasi trenta giovani sostenitori del No hanno deciso di andarsene.

Tutta questa vicendaè stato filmata in un breve video, che alleghiamo aquesto articolo, il quale è stato diffuso sui social network da parte del sito "Riscatto Pisa - cronache di una città che non si rassegna" e sta avendo nelle ultime ore diverse condivisioni anche al di fuori della città della Torre Pendente.

Segui la pagina Pd
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!