Dalle ultime rilevazioni Demos sul clima politico nazionale, pubblicata dal quotidiano La Repubblica, le intenzioni di voto degli italiani appaiono sostanzialmente simili a quelle degli ultimi sondaggi, tuttavia, qualche variazione è stata registrata, spostamenti leggeri ma anche significativi visto che riguardano il comune calo di Pd e M5S, le due maggiori forze politiche del Paese.

Pd sotto il 30%, perde anche il M5s

Secondo il sondaggio Demos, appena di mezzo punto il calo del Pd, ma tanto basta per far scendere i democratici sotto la soglia del 30%, mentre, rimanendo in tema dem, per quello che concerne la ventilata scissione interna quasi 6 elettori su 10 pensano che sarà una realtà.

Più significativa la perdita del M5s che sfiora i due punti in due mesi, in parte, forse, da mettere in relazione alle polemiche che riguardano Virginia Raggi; e come fa notare La Repubblica, il sondaggio Demos per l'Atlante Politico si è chiuso giovedì scorso, quando le polemiche sulla polizza donata alla Sindaca di Roma "a sua insaputa" erano già scoppiate, e in gran parte non riflettono le vicende Raggi, visto che la perdita dei grillini da giugno 2016 ad oggi è salita quasi del 6%.

A beneficiare del calo dei soggetti politici principali sono stati i partiti del centro destra, che hanno ripreso ossigeno tutti ma in misura differente: minima per Forza Italia e Lega Nord, addirittura calando di un punto rispetto a novembre per il Nuovo Centrodestra, mentre è decisamente più rilevante il balzo in avanti dei Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni che sfondano il tetto del 5% guadagnando quasi tre punti dallo scorso settembre.

Da notare che un centro destro unito di tutte le forze componenti avrebbe la maggioranza. Secondo il sondaggio, dunque, il Pd è a quota 29.5%, il M5s al 26.6%, la Lega si attesterebbe al 13.4% e Forza Italia al 13.2%. Poi Sel 5.4%, Fratelli d'Italia 5.2%, Ndc e Udc 3.5%.

Gentiloni la sorpresa

La sorpresa del sondaggio Demos è comunque un’altra: il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è il leader più popolare con un indice di gradimento che raccoglie il 47%, seguito da Giorgia Meloni e terzo nelle statistiche dei leader, nonostante in poco più di un mese ha perso 8 punti, c’è Matteo Renzi.

Perdono appeal elettorale anche Grillo e Salvini.

Dal sondaggio emerge anche l’ulteriore conferma che non esiste un partito over 40% dei voti per conquistare da solo la maggioranza dei seggi come prevede l'attuale legge elettorale. Sarebbero necessarie alleanza fra i principali partiti, ma nessuna delle alleanza possibili raccoglie il consenso degli elettori e nessun governo appare quindi possibile.

A premere sul voto immediato restano M5s e Lega, ma forse nemmeno loro sono più troppo convinti. E anche la netta maggioranza degli elettori, 7 su 10 secondo i sondaggi Demos, preferisce attendere l’approvazione di una legge elettorale che garantisca una maggioranza comune alle due Camere.

Segui la pagina M5S
Segui
Segui la pagina Pd
Segui
Segui la pagina Sondaggi Politici
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!