La scissione nel Pd, avvenuta circa una settimana fa, ha portato alla nascita di 'Articolo 1 Movimento Democratici e Progressisti'. Il parto dell'ennesima creatura politica ha fatto decisamente calare il numero di consensi di cui godeva il partito guidato fino a poco tempo fa dall'ex premier #Matteo Renzi e ha riequilibrato gli assetti negli ultimi Sondaggi politici elettorali. Andiamo, dunque, a vedere quali sono i dati in circolazione e quali sarebbero le preferenze dei cittadini italiani qualora si andasse a votare in tempi decisamente brevi.

I sondaggi politici di EMG

Gli ultimi sondaggi politici sono stati effettuati da EMG Acqua per il TG di La7. Il Movimento 5 Stelle, secondo questi dati, sarebbe in testa alla classifica con il 28,4% nonostante il calo rispetto ai numeri della scorsa settimana e nonostante le vicende che riguardano la gestione del comune di Roma. Al secondo posto, staccato di solo 0,4%, si attesterebbe il Partito democratico in calo di quasi due punti percentuali dopo la scissione.

La nascita di 'Movimento Democratici e Progressisti' sembrerebbe dunque aver scombussolato i piani del Pd tanto da fargli perdere il primato nei sondaggi. A perdere terreno dopo la nascita del MDP ci sarebbe anche Sinistra Italiana (2,4% rispetto al 3,9% di sette giorni fa), colpita dell'ennesimo partito nato alla sinistra del Pd.

A godere di questa situazione non possono che essere il M5S e la destra.

Centro-destra: ecco gli ultimi sondaggi elettorali

Gli ultimi sondaggi politici ci segnalano, infatti, una notevole crescita del centro-destra. La Lega Nord si attesterebbe al 13,3% di preferenze (in aumento), Forza Italia al 12,2 % e Fratelli d'italia- AN al 4,9% con un totale di 30,4 % qualora il fronte decidesse di unirsi e di concorrere insieme alle prossime elezioni politiche.

Inoltre, va segnalato un 2,7% del Nuovo Centro Destra.

Insomma, come potevamo immaginare la scissione nel Partito democratico ha rimescolato le carte a vantaggio dei suoi avversari, ovvero il movimento 5 stelle e una potenziale destra tutta unità in un unico fronte. Al momento, però, quest'ultimo scenario sembra poco plausibile; Salvini continua infatti a ripetere di non voler creare un blocco unico, galvanizzato dalla nascita di forti partiti europei definiti dell'ultra destra (un tempo si chiamavano fascisti).

Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la pagina Sondaggi Politici
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!