In occasione della trasmissione "PiazzaPulita" su La7 questo giovedì 27 aprile è intervenuto Maurizio Martina, attuale ministro dell'Agricoltura e candidato come vice-segretario del Pd al fianco di Matteo Renzi per le Primarie del 30 aprile. Ecco i principali passaggi di quello che ha detto.

'Scissione non porta ad alleanza, chi brindava per il No non ha aiutato idea di coalizione. PD alternativo a Berlusconi'

A una domanda su che tipo di alleanze vorrebbe per il PD, Martina ha risposto: "Prima di tutto bisogna capire che tipo di politiche vuoi fare per il Paese e poi discuti di alleanze, non il contrario.

Quindi per prima cosa discutiamo il nostro progetto per l'Italia, innanzitutto abbiamo il dovere di guardare negli occhi i cittadini e proporre loro una prospettiva. Renzi ha esplicitato una riflessione che è assai diffusa e condivisa fra la gente del PD: una scissione non provoca un'alleanza e non porta a un'alleanza; si può riflettere su questo? Chi è uscito dal PD, facendo nelle settimane precedenti una campagna per il No al referendum e ha brindato drammaticamente il 4 dicembre, non ha certo aiutato a sviluppare un'idea di coalizione. Io ho sempre provato a costruire coalizioni locali anche con successi, ma so che una scissione non provoca un'alleanza ma anzi complica il terreno e non aiuta".

Poi sempre sul tema delle alleanze ha detto: "Il PD non guarda a berlusconi, il PD è alternativo a Berlusconi. In queste settimane di congresso abbiamo discusso con la nostra gente di ciò che è andato bene e di ciò che non è andato, io credo che la nostra proposta sia chiara: la nostra sfida di cambiamento del Paese non si ferma e si rilancia; le ragioni della battaglia referendaria erano giuste.

Sulla legge elettorale non si può certo dire che il PD non abbia sviluppato un'iniziativa proponendo il Mattarellum e continuerà a farlo; mi colpisce che nessuno abbia notato che quelli usciti dal PD che prima chiedevano ogni giorno il Mattarellum, adesso non lo vogliono".

Infine a una domanda se con il Mattarellum il PD allora si alleerebbe con Bersani e Pisapia, ha risposto: "Naturalmente in quel caso dovremmo sviluppare una logica coalizionale, ma la legge elettorale non la fa solo il PD, noi facciamo delle proposte: siamo pronti anche a soluzioni più avanzate come i collegi uninominali".

'Su Alitalia non esiste ipotesi nazionalizzazione: paghiamo ancora errore del 2008'

Sul caso Alitalia ha detto: "Questa situazione complicata va gestita, va ribadito che non esistono ipotesi di nazionalizzazioni o l'idea che lo Stato possa tornare a investire in una situazione del genere. I cittadini e contribuenti hanno già versato miliardi di euro per questo; l'errore più grosso venne fatto nel 2008 quando si decise si non chiudere l'accordo con Air France e ancora oggi lo stiamo pagando. Il governo in questa fase ha provato ad avvicinare le parti, ma poi è arrivato questo voto del referendum: chiaramente lavoreremo ancora per trovare la soluzione". E sul malcontento sociale che riguarda il mondo del lavoro ha aggiunto: "Può esserci il rischio di sottovalutare la rabbia e sarebbe un errore.

Ma ci sono anche storie positive che è giusto raccontare come il fatto che i metalmeccanici hanno votato un contratto facendo degli avanzamenti: i media ne hanno parlato poco. Insomma ci sono anche delle luci."

Infine alla domanda su chi avrebbe votato al primo turno alle elezioni francesi fra Macron e Hamon, Martina ha detto: "Può sembrare facile dirlo ora, ma io avrei votato sicuramente Macron".

Segui la pagina Pd
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la pagina Silvio Berlusconi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!