La Lega ferma la sua corsa per la prima volta dalle elezioni politiche dello scorso marzo. L’istituto Piepoli registra una frenata del partito di Matteo Salvini, che rimane così in seconda posizione nei Sondaggi politici. La percentuale è del 28% attualmente, con il Movimento 5 Stelle ancora al comando. I grillini non ne approfittano, restando fermi al 29%. Dunque, non ci sono variazioni nelle posizioni di vertice rispetto alla scorsa volta.

Pubblicità
Pubblicità

Neppure il Partito Democratico fa passi avanti o indietro, restando ancorato al 18%.

Nell'area di centrosinistra, nessun altro riesce a superare la soglia del 3%. Abbiamo Più Europa con il 2,5% e poi Liberi e Uguali con il 2%. Spostandoci dall'altra parte dello schieramento, viene registrato un ulteriore calo da parte di Forza Italia (-0,5%), che scivola al 12%. C’è poi Fratelli d’Italia nel centrodestra, che viene attestato al 3%.

Pubblicità

La fetta rimanente della torta (5,5%) viene divisa tra le altre liste in campo. Prima di lasciarvi, vogliamo sottoporvi all'attenzione anche le intenzioni di voto di SWG, secondo cui è praticamente sprofondato il partito di Silvio Berlusconi.

SWG: Forza Italia scende a picco, fermo il PD

Il dato più clamoroso dei sondaggi elettorali di SWG riguarda Forza Italia. Rispetto alla settimana scorsa ha per lo 0,5%, scendendo al 7,7%.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Sondaggi Politici

Mai così in basso. Resta stabile al terzo posto il PD (17,8%), mentre incrementano il loro bottino M5S (+0,3%) e Lega (+0,7%), rispettivamente attestati al 29% e al 30,5%. Non fa segnare variazioni Fratelli d’Italia (4,3%), mentre Liberi e Uguali scivola al 2,3% (-0,4%) e si vede raggiungere da Più Europa (+0,2%). Lieve flessione per Potere al Popolo (-0,2%), che scende all’1,9%, dopodiché abbiamo gli altri partiti al 4,2% (-0,1%).

L’istituto di ricerche ha chiesto agli italiani la propria opinione sul decreto Dignità. In merito al tema del ridimensionamento dei contratti a tempo determinato, il 55% degli intervistati ritiene giusto limitarli. Tra i soli elettori del M5S, la percentuale sale al 68%, mentre tra quelli della Lega, si passa al 62%. Il 35% degli italiani ritiene insopportabile per il Paese la tendenza delle imprese ad assumere solo persone a tempo determinato.

Pubblicità

Il Governo ha intenzione di diminuire i rinnovi in questo tipo di contratti lavorativi, riducendo anche la permanenza totale a tempo determinato. Il dibattito è acceso in questi giorni e SWG ha voluto sapere cosa nel pensa la gente con una delle sue tante indagini. Restiamo in attesa di ricevere aggiornamenti sull’argomento e su altri sondaggi politici.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto