Matteo Renzi fa valere la sua posizione di fermo oppositore al governo Lega-Cinque Stelle. Molti gli contestano di far parte di quel Senato che lui stesso avrebbe voluto abolire, ma oggi si scopre che, al di fuori della Politica, si sta rendendo protagonista di diversi progetti connessi, però, con quella che è stata la sua esperienza di Presidente del Consiglio dei Ministri. È, infatti, iscritto alla piattaforma Celebrity Speakers, un'organizzazione che fa girare il mondo ad illustri personaggi, anche politici, disposti a raccontare la loro esperienza in cambio di importanti compensi.

Renzi ha una pagina dedicata

Recandosi sul sito Celebrity Speakers Italia si può notare come l'ex Presidente del Consiglio abbia una pagina a lui dedicata. All'interno del sito è presente una biografia dell'esponente del Pd. Si fa notare come da febbraio 2014 a dicembre 2016 sia stato primo ministro italiano, avendo il merito di aver "guidato il paese nell'uscita dalla recessione economica accelerandone la fine con la riforma del mondo del lavoro e delle misure fiscali".

A ciò si aggiunge l'essere stato protagonista e fautore di una modernizzazione del Paese con riforme attinenti al mondo dei diritti civili che in Italia erano attese da decenni. "Trasformare i rischi in opportunità" è il motto di Renzi. Sulla piattaforma di Celebrity Speakers Associates è possibile trovare nomi altisonanti come Michail Gorbaciov, l'arbitro Pierluigi Collina, l'attore Colin Firth e il cantante Bob Gedolf. Tutti hanno qualcosa da raccontare e lo fanno dietro compenso.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Pd

Ingaggiare Matteo Renzi può costare 20.000 euro

Diversi giornali hanno ripreso le dichiarazioni di Marina Leo, responsabile per l'Italia di Celebrity Speaker Association. A La Verità ha dichiarato che in questo momento servono 20.000 euro per far parlare Matteo Renzi ad una propria conferenza o farlo intervenire in un evento. Il riferimento va, però, a partecipazione ed eventi internazionali (è stato in Cina due volte) e per l'Italia potrebbe bastare anche una cifra inferiore.

Il compenso, tuttavia, è da considerarsi al lordo, considerato che nel cachet sono comprese anche le tasse. Resta il fatto che le sue partecipazioni in un qualsiasi contesto appaiono ben pagate. Per ingaggiare Matteo Renzi è sufficiente recarsi sul sito, annotare i recapiti, telefonare o inviare una mail. Il 27 ottobre Renzi sarà in Cina e a marzo andrà a Dubai (ad un convegno sull'educazione) a raccontare la sua esperienza di premier più giovane della storia italiana.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto