Annuncio
Annuncio

La capogruppo al Senato di Forza Italia, la professoressa e avvocato bolognese Anna Maria Bernini, è scesa quest'oggi in piazza, assieme ai suoi colleghi di partito, per manifestare il proprio sostegno a favore della realizzazione della Tav (Torino-Lione). Intervistata dalle agenzie nazionali, l'ex ministro delle Politiche europee ha enunciato le sue impressioni e valutazioni a proposito della realizzazione delle grandi opere, soffermandosi sulla loro importanza strategica per il miglioramento del nostro Paese e della vita di tutti.

La presidente dei senatori di Forza Italia ha inoltre espresso le sue opinioni sull'operato complessivo finora compiuto dalla maggioranza governativa diretta dall'asse Movimento 5 Stelle-Lega.

Bernini: 'La gente vuole un Paese che cresca e non che decresca'

Sulle sopraccitate questioni, la senatrice forzista ha dichiarato: "Qui non bisogna ragionare in maniera demagogica. Basta vedere tutte queste persone che sono scese quest'oggi in piazza. Io sono capogruppo al Senato di una forza politica, ma sono qui laicamente.

Annuncio

Spogliata da qualsiasi simbolo politico e ci tengo a dirlo. Qui ci sono delle persone che vogliono tutte la stessa cosa. Vogliono un Paese che cresce e non che decresce. Vogliono un Paese che dice sì e non no. Vogliono un Paese che consenta a tutte le persone di lavorare, di poter crescere, di avere delle infrastrutture veloci, di avere soprattutto una prospettiva. Dire di no a tutto significa togliere prospettiva al nostro Paese".

‘L'Italia sta perdendo in termini di efficienza e competitività'

A proposito dell'andamento dell'economia italiana, sugli ultimi dati drammatici della produzione industriale, la presidente dei Senatori di Forza Italia ha aggiunto: "Il nostro Paese sta perdendo purtroppo in termini di efficienza e di competitività; ma, credetemi, non lo dico con soddisfazione. Lo dico con assoluta preoccupazione. Penso che questo governo sia pericoloso".

Annuncio

'Salvini dica sì Tav a Palazzo Chigi'

Anna Maria Bernini ha concluso il suo intervento ai microfoni delle agenzie nazionali, lanciando un appello al leader del Carroccio, il vicepresidente del consiglio Matteo Salvini: "Visto che sappiamo che Salvini è in piazza e siamo molto felici che la Lega sia in piazza, noi chiediamo al ministro Salvini di dire sì a Piazza Castello, ma soprattutto di dire sì Tav a Palazzo Chigi".