Intervenuta a ‘La Zanzara’, programma in onda su Radio 24 e condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo, l’europarlamentare, di origini congolesi, del Partito Democratico Cecile Kyenge ha affrontato molteplici questioni politiche, soffermandosi in particolare sui 47 migranti a bordo della nave Sea Watch 3. Nel corso della conversazione telefonica, l’ex ministro dell’integrazione sotto il governo presieduto dall’ex premier Enrico Letta ha inoltre attaccato duramente l’attuale ministro dell’interno Matteo Salvini.

Per l’europarlamentare del Pd, i 47 migranti a bordo della Sea Watch 3 dovrebbero essere fatti sbarcare subito, toccando terra, ricevendo le cure necessarie e soltanto dopo si potrà discutere della loro redistribuzione su tutto il territorio europeo.

Kyenge: ‘Salvini dovrebbe guardarsi allo specchio e giudicarsi’

A detta della Kyenge, il ministro Salvini starebbe prendendo decisioni disumane sulla pelle di quelle persone, infrangendo la legge e i principi dettati dalla Carta Costituzionale.

“Non si possono lasciare le persone in quelle condizioni, quelli sono dei naufraghi e prima di tutto bisogna salvare le persone”, ha affermato Cecile Kyenge. Ecco perché, secondo l’europarlamentare modenese, Salvini ogni mattina dovrebbe guardarsi allo specchio in modo da potersi fare un attento esame di coscienza su ciò che sta facendo.

Ad un certo punto, durante il collegamento telefonico, i due conduttori, Cruciani e Parenzo, le hanno chiesto quanti fratelli abbia in tutto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Elezioni Politiche

Lei ha prontamente risposto, rivelando di averne 38 di fratelli e sorelle, sparsi in tutto il mondo. Così tanti poiché il papà della Kyenge avrebbe fatto figli con più donne diverse. E, a detta della Kyenge, se decidesse un giorno di farli venire tutti in Italia, il nostro Paese con 38 migranti in più non andrebbe in tilt.

‘In 40 anni, il continente europeo avrà bisogno di almeno 50 milioni di migranti’

Infine l’ex ministro dell’integrazione ha spiegato che tutto il continente europeo, nel giro di 30 o 40 anni, avrà bisogno minimo di 50 milioni di immigrati per poter sopravvivere, affinché determinate zone territoriali possano essere rigenerate.

Infatti la Kyenge ha concluso il suo intervento ai microfoni de ‘La Zanzara’ dichiarando: “Quei territori devono vivere, l’economia deve andare avanti. Bisogna saper guardare oggi al domani. Quindi dico 50 milioni, minimo”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto