Oggi, 28 gennaio, intorno alle 15:30, una delegazione di parlamentari del Pd “salirà a bordo della Sea Watch” per dare il via a quella che è stata denominata la ‘staffetta democratica’ in favore dei migranti a bordo dell’imbarcazione della ong tedesco-olandese, ancorata al largo di Siracusa. A darne notizia su Twitter è stato Davide Faraone, senatore Dem eletto proprio in Sicilia. Staffetta democratica che era stata annunciata già ieri da Graziano Delrio, ma che era stata bloccata per ordine del comandante della Capitaneria di Porto della città siciliana, dopo il blitz compiuto a bordo della Sea Watch dai tre parlamentari di altri partiti Fratoianni, Magi e Prestigiacomo.

Pubblicità
Pubblicità

Ora che la situazione si è sbloccata, ci pensa Diego Fusaro a provare ad ‘affondare il barcone’ del Pd accusando gli esponenti della sinistra italiana di non difendere mai operai e precari, ma solo i migranti.

Da Faraone a Martina passando per Orfini, tutti i partecipanti alla staffetta democratica

È il quotidiano online del Pd, Democratica, a fornire la composizione del primo gruppo di parlamentari Dem partecipanti alla staffetta democratica a bordo della Sea Watch.

Pubblicità

Si tratta di Davide Faraone, del segretario reggente Maurizio Martina, del presidente Matteo Orfini, oltre a Carmelo Miceli, Fausto Raciti, Valeria Sudano e Francesco Verducci. Il via libera è arrivato nella tarda mattinata di oggi dopo un incontro in prefettura che ha fatto cadere l’ordinanza della Capitaneria di Porto di Siracusa, guidata dal comandante Luigi D’Aniello, che disponeva il divieto assoluto di “navigazione, ancoraggio e sosta nel raggio di 0,5 miglia” dalla posizione della nave Sea Watch per potenziali problemi riguardanti ordine pubblico ed emergenze sanitarie.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pd

Diego Fusaro contro la sinistra italiana: ‘Serva del capitale, traditrice dei lavoratori’

La delegazione Pd, con in testa Matteo Orfini, aveva già incontrato in mattinata gli operatori della Sea Watch, definiti come un “presidio coraggioso di umanità”. Una iniziativa che ha fatto letteralmente salire il sangue alla testa di Diego Fusaro. Il filosofo ‘sovranista’, dal pulpito della sua rubrica Lampi del pensiero, tenuta su affaritaliani.it, si è scagliato ancora una volta contro le “sinistre fucsia al servigio del capitale global-elitario” che, operando di comune accordo con la destra liberista che “deporta migranti da sfruttare”, avrebbe per l’ennesima volta “tradito le classi lavoratrici”.

Fusaro mette a confronto la cosiddetta staffetta democratica con il fatto che la sedicente sinistra non si è invece mai recata “in fabbrica tra gli operai o tra i precari”. Insomma, secondo Fusaro, il Pd e gli altri movimenti appartenenti a quell’area politica proverebbero una sorta di “orrore per i lavoratori” perché ai loro occhi di “mondializzatori senza frontiere” sono colpevoli di essere “populisti e xenofobi”.

Pubblicità

Per concludere, la sinistra libertaria lotta per aprire i porti dimostrando così facendo “la propria patetica è imperdonabile subalternità al capitale vincente”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto