Analizzando l’ultima rilevazione statistica sondata dall'istituto di ricerca Tecnè e datata 18 febbraio 2019, si evidenzierebbero alcune novità da prendere in considerazione.

Premettiamo che il seguente sondaggio è stato effettuato mediante tecnica mista Cami-Cawi su un campione rappresentativo e probabilistico di 1000 soggetti maggiorenni distribuiti su tutto il territorio nazionale, con un margine di errore statistico pari a +/- 3,1%.

Un’altra precisazione: questa rilevazione sondaggistica è stata commissionata dal programma 'Quarta Repubblica' in onda su Rete Quattro e condotto da Nicola Porro.

Scende il M5S che in quasi un mese perde il 2,2% dei voti nazionali

Ebbene, a proposito dell'asse governativo gialloverde, secondo l’istituto Tecnè, si registrerebbe un lieve calo per il Movimento 5 Stelle del vicepremier Di Maio e una sostanziale crescita consensuale per la Lega di Matteo Salvini. Infatti rispetto al 21 gennaio scorso, il Movimento 5 Stelle sarebbe sceso al 23,2%, perdendo in quasi un mese il 2,2% dei consensi nazionali. Mentre la Lega di Matteo Salvini avrebbe innalzato i propri consensi politici dell’1,7%, raggiungendo il 33% delle preferenze elettorali.

Complessivamente, la maggioranza governativa M5S-Lega sarebbe accreditata del 56,2% dei voti elettorali.

Per quanto riguarda invece le forze politiche che costituiscono l’opposizione parlamentare, si registrerebbe un calo pari allo 0,5% del Partito Democratico che rispetto al mese scorso scivolerebbe al di sotto del 17% (= 16,9%) dei consensi politici. Mentre Forza Italia, il movimento di Silvio Berlusconi, sarebbe in risalita dello 0,2%, raggiungendo così il 12% dei voti elettorali.

Bene Fratelli d’Italia che cresce di un altro mezzo punto percentuale

Bene anche il partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia che avrebbe accresciuto i propri suffragi elettorali di mezzo punto percentuale, portandosi al 4,4% delle preferenze nazionali. Tutti gli altri movimenti politici minori e/o extraparlamentari, sommati insieme, si attesterebbero intorno al 10,5% dei consensi elettorali.

Infine per quanto riguarda il dato elettorale delle singole coalizioni prese separatamente, se si votasse oggi, il centrodestra unito (coalizione formata da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia) sarebbe suffragato dal 49,8% dei consensi nazionali; il centrosinistra dal 21,8% delle preferenze elettorali, mentre il M5S dal 23,2%.

Segui la nostra pagina Facebook!