Il cosiddetto decretone su Quota 100 e reddito di cittadinanza sta per terminare l'ìiter parlamentare: il Governo Conte, infatti, ha ottenuto la fiducia al maxi decreto unico che dovrà passare al Senato per la terza lettura. Entro oggi, i due rami del Parlamento dovranno votare definitivamente per la conversione in legge del testo.

Il decreto ottiene la fiducia

Numerosi sono stati i correttivi apportati alle misure in materia previdenziale che spaziano dall'eliminazione della soglia dei 45 anni per il riscatto agevolato degli anni di laurea, all'innalzamento del limite dei 45 mila euro per la liquidazione del Trattamento di Fine Servizio per i dipendenti della Pubblica Amministrazione, a maggiori controlli per i beneficiari del cosiddetto reddito di cittadinanza e all'estensione del beneficio tanto caro al Movimento 5 Stelle alle famiglie con disabili.

Pubblicità
Pubblicità

Con 323 voti a favore, 247 contrari e 4 astenuti il Governo giallo-verde ha ricevuto la fiducia sulle misure che sono servite da correttivi al decretone. Stando a quanto afferma il quotidiano "Il Corriere della Sera", infatti, tra le misure approvate, anche quella riguardante l'offerta di un lavoro congruo da 858 euro per i fruitori del sussidio economico ipotizzato dai grillini, oltre alla stretta sui divorzi e all'estensione del reddito alle famiglie numerose e con disabili grazie alla revisione della scala di equivalenza (passata da 2,1 a 2,2) che consente a questa categoria di ricevere fino a 50 euro in più di sussidio. Anche il riscatto agevolato degli anni di laurea è stato esteso agli over 45 enni.

Pubblicità

Rdc esteso alle famiglie con disabili

Tuttavia, stando a quanto riporta ancora "Il Corriere della Sera", le risorse finanziarie atte a coprire la spesa per il reddito di cittadinanza potrebbero essere insufficienti: difatti, come recita la circolare Inps diramata nei giorni scorsi, nel caso in cui i fondi dovessero terminare, le domande saranno sospese in attesa di nuove risorse che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali metterà a disposizione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Un emendamento approvato, riguarda anche l'estensione del reddito di cittadinanza agli under 67 anni con almeno un familiare a carico con disabilità grave: per questa categoria, infatti, l'assegno potrebbe passare dai 1.330 euro ai 1.380 euro. Nulla da fare, invece, per gli esodati per i quali è stato bocciato l'emendamento riguardante la nona misura di salvaguardia per tutelare circa 1.300 lavoratori.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto