Una casa a Nord di Tel Aviv, nella zona agricola della città di Kfar Saba, è stata colpita nel corso della mattinata da un razzo proveniente dalla striscia di Gaza. I feriti sono almeno sette tra cui una ragazzina di 12 anni, un bambino di 3 e un neonato di 6 mesi. Il premier Benjamin Netanyahu – attualmente negli Stati Uniti per incontrare Donald Trump – ha predisposto il proprio rientro immediato dopo la visita al Presidente. Tempestiva anche la reazione dell’esercito Israeliano; sulla striscia di Gaza sono stati inviati due battaglioni e tank.

Aumento delle tensioni tra l’esercito e Hamas

Hamas, il movimento politico di ispirazione religiosa che controlla di fatto la Striscia, ha disconosciuto qualsiasi legame con il lancio del missile che sarebbe stato lanciato per errore; tuttavia i suoi capi hanno deciso preventivamente di attuare i propri piani di emergenza sparpagliandosi sul territorio e nascondendosi in zone sicure.

Il portavoce dell’esercito Israeliano Ronen Manelis ha fatto sapere che la rampa di lancio si trova a Rafah e ha successivamente dichiarato che “Il tiro è stato compiuto da Hamas, da una delle rampe di lancio del gruppo. Consideriamo Hamas responsabile di tutto quello che succede a Gaza.” Sul territorio sono state inviate ulteriori truppe militari.

Conseguenze dirette sulla campagna elettorale Israeliana

Compatibilmente con le prossime elezioni, le autorità politiche hanno rilasciato le loro dichiarazioni in merito a quanto successo nella mattinata. Il principale avversario di Netanyahu, Benny Gantz, ha immediatamente attaccato il premier accusandolo tramite Twitter di non essere in grado di garantire la sicurezza del paese. Anche Avi Gabbay, leader dei laburisti, ha dichiarato che “Netanyahu è responsabile per la situazione di poca sicurezza.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica

Ha perduto la sua deterrenza e rafforzato Hamas, è un fallimento come primo ministro e ministro della Difesa".

Più favorevole la posizione di Naftali Bennett, leader de La Nuova Destra: “La capacità di deterrenza di Israele è collassata e bisogna dire in tutta onestà che Netanyahu ha fallito contro Hamas." dichiara "È un buon primo ministro ma non come ministro della Difesa, è arrivato il momento di incaricare Bennett per sconfiggere Hamas".

Netanyahu, negli Stati Uniti per incontrare Donald Trump e firmare un ordine esecutivo che cede la sovranità sul Golan a Israele, ha accorciato la propria visita per rientrare quanto prima e monitorare le inevitabili tensioni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto