In questa ultima decade del mese di marzo sono stati pubblicati nuovi Sondaggi politici. A rendere note le intenzioni di voto ai partiti è stato SWG. L’istituto di ricerche fa registrare ancora una volta dei cambiamenti nelle posizioni di vertice. Il dato più interessante riguarda il contro sorpasso tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. La settimana scorsa c’era stato il superamento di quest’ultimo, mentre adesso si registra una reazione dei pentastellati. Si mantiene in testa la Lega, ma dopo settimane di crescita è in flessione.

Pubblicità
Pubblicità

SWG: incrementano Fratelli d’Italia e Potere al Popolo

La Lega guarda tutti dall’alto con il 33,4%, ma rispetto alla tornata precedente è in calo dello 0,5%. Come già detto poc’anzi, c’è stato nuovamente un avvicendamento tra M5S (21,3%) e Pd (21%). Il primo ha guadagnato lo 0,3%, mentre il secondo ha perso lo 0,1%. La lotta per la seconda posizione rimane comunque aperta, anche se tra i due litiganti sembra godere particolarmente il partito di Matteo Salvini, che mantiene un ampio margine di vantaggio sui rivali.

Giù dal podio rimane Forza Italia (8,7%), che incrementa il proprio valore dello 0,1%. Nell’area di Centrodestra fa segnare un trend positivo anche Fratelli d’Italia (+0,3%), che si porta al 4,7%. Leggera flessione per Più Europa (-0,1%), che si attesta al 2,9%, così come MDP, SI e Altri Sinistra (-0,1%), che si trovano al 2,3%. In scia c’è Potere al Popolo (2,2%), che guadagna lo 0,2%, dopodiché abbiamo Verdi con l’1% (-0,1%). Le altre liste raccolgono in tutto il 2,5% come la volta scorsa. Nel corso di quest’ultima parte del mese di marzo ci è pervenuto anche il sondaggio di Bidimedia.

Pubblicità

Bidimedia: Forza Italia si avvicina al 10%

L’istituto di ricerche mostra la Lega al comando con il 33% (-0,2%). Alle sue spalle, diversamente da quanto visto nelle intenzioni di voto di SWG, troviamo il Partito Democratico con il 21,2% (+2,6%). A chiudere il podio c’è il Movimento 5 Stelle con il 21,1% (-0,9%). Praticamente un testa a testa per conquistare il ruolo di principale antagonista del Carroccio. Sarà importante il risultato delle prossime elezioni europee per capire a chi toccherà.

Scorrendo verso il basso, troviamo Forza Italia, che si avvicina alla doppia cifra (9,7%), dopo aver incrementato il proprio valore dello 0,7%. A seguire abbiamo FdI con il 4,1% (-0,1%), Lista di Sinistra con il 3% (-0,4%) e Più Europa con il 2,7% (-0,7%). Un po’ più indietro c’è Onda Verde e Civica con l’1,8% (+0,1%), mentre le rimanenti liste raccolgono il 4,5% (+1,4%).

Leggi tutto