Il Ministro Di Maio, durante una discorso tenuto al Forum delle Associazioni Famigliari, si è detto molto deluso per il Decreto Sicurezza bis proposto dalla Lega. A suo modo di vedere non c'è nulla sui rimpatri e, forse, il dl servirebbe solo per coprire il caso Siri. Il Movimento 5 Stelle, però, ha deciso intanto di premere sull'acceleratore per una legge sul conflitto d'interessi, questione su cui sembrerebbero esserci resistenze leghiste, mentre alcuni media paventano un ritorno dell'alleanza con Berlusconi.

Pubblicità
Pubblicità

Di Maio: 'Decreto Sicurezza bis è una delusione'

Il Ministro 5Stelle Luigi Di Maio ha affermato senza mezze misure di essere molto deluso dal Decreto Sicurezza bis proposto dalla Lega. In esso, infatti, non si dice nulla riguardo ai rimpatri. Secondo Di Maio questo era uno dei punti fondamentali da affrontare, poiché ormai gli arrivi sono stati fortemente ridotti e bisognerebbe guardare oltre. Aggiunge quindi che questo è un tema tutto nelle mani del Ministro dell'Interno e che quest'ultimo non dovrebbe dare sempre colpe ad altri.

Pubblicità

Spiega quindi che inviare lettere al Presidente del Consiglio e al Ministro degli Esteri, come ha fatto Salvini, per dire che occorre fare di più sui rimpatri, gli sembra una mossa ingiusta. Senza contare, conclude, che bisognerebbe guardare a politiche di cooperazione europea su questi temi e non allearsi con Orban che invece vuole far rimanere tutti i migranti nel nostro Paese.

Il Vicepremier, inoltre, sostiene anche di avere un altro timore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica M5S

La sua paura è quella che il decreto sia una mossa per coprire ulteriormente il Caso Siri, che tanto ha fatto discutere nelle ultime settimane. Salvini, intanto, ha subito replicato che invece per lui il Decreto Sicurezza va benissimo così e che, volendo, lo si potrà portare al Consiglio dei Ministri anche la settimana prossima.

M5S chiama la Lega a votare una legge sul conflitto di interessi

Su un altro tema però il Movimento 5 Stelle chiama la Lega a muoversi in fretta.

Il partito di Di Maio, infatti, sembra essere intenzionato a premere sull'acceleratore per una legge sul conflitto d'interessi. Quest'ultima è sempre stata un cavallo di battaglia dei pentastellati, ma al tempo stesso è sempre stata una questione su cui la Lega è invece andata cauta.

Forse non ha caso, secondo alcune fonti M5S, sono girate voci che il Carroccio avrebbe addirittura ripreso contatti con Berlusconi per un'eventuale caduta del governo.

Pubblicità

Di Maio, perciò, si è augurato che simili notizie siano smentite, perché il M5S, a suo dire, vuole andare in direzione contraria rispetto all'operato di Berlusconi e fare una legge che neanche la sinistra e il Pd "hanno mai avuto il coraggio di fare in trenta anni".

Salvini ha prontamente replicato dichiarando di aver sentito Berlusconi esclusivamente per fargli gli auguri di pronta guarigione. Il leader della Lega si è augurato che Di Maio non voglia polemizzare anche su questo, altrimenti "saremmo veramente all’asilo Mariuccia".

Pubblicità

Se le parole di Salvini saranno confermate anche dai fatti, lo si scoprirà nelle prossime settimane, quando il M5S si muoverà per attuare davvero la legge sul conflitto d'interessi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto