Sta facendo il giro del web e dei principali mass media il video dell’ultima puntata di Non è l’Arena in cui il conduttore, massimo giletti, annuncia in diretta a Matteo Salvini la notizia dell’avvenuto sbarco in Italia dei migranti della Sea Watch 3. La reazione del Ministro dell’Interno, che fino a pochi istanti prima aveva ribadito che la politica dei ‘porti chiusi’ fosse ancora in vigore, è furiosa e a tratti disorientata. I sospetti di tutti ricadono subito sulla magistratura, in particolare sulla Procura di Agrigento che, si scoprirà poco dopo, ha ordinato lo sbarco.

Pubblicità
Pubblicità

Ma possibile che i militari di Guardia Costiera e Guardia di Finanza, impegnati in una operazione così delicata, sia dal punto di vista logistico che, soprattutto, politico, abbiano agito senza avvertire i rispettivi vertici gerarchici? Ovvero i Ministri dell’Interno, Matteo Salvini, e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli? A questo interrogativo prova a rispondere proprio Giletti, ospite di Myrta Merlino a L’Aria che tira, il quale si dice quasi certo che i militari abbiano avvertito almeno un Ministro. Anche se, aggiunge, il M5S, tramite Rocco Casalino, ha fatto sapere che non ne sapeva nulla.

Pubblicità

Il racconto di Giletti a L’aria che tira: ‘Era evidente che qualcosa non andava’

“Mi devi spiegare bene che cosa è successo ieri sera in diretta, quale è stata la tua sensazione. Io ero a casa ed ero allibita da quello che stava accadendo”, dice Myrta Merlino al suo ospite. “Era evidente che qualcosa non andava - comincia a raccontare con ricercato pathos Massimo Giletti - perché io, prima di entrare in diretta, avevo avuto un’Ansa, o un documento, adesso non mi ricordo più di chi fosse, dove si faceva capire che stava succedendo qualcosa sulla nave Sea Watch che era stata affiancata dalla Guardia di Finanza, o dalla Guardia Costiera.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini M5S

Per cui le notizie erano già evidenti prima della messa in onda. Salvini è entrato in onda esattamente alle 20:51/52. Quindi, conoscendo molto bene sia i vertici della Guardia di Finanza che della Guardia Costiera, dubito sinceramente che nessuno abbia avvisato i rispettivi Ministri di riferimento su quello che era un ordine”.

‘È evidente che dei militari avvisano i Ministri di riferimento’

“Dunque, sostieni che è molto strano che né Salvini né Toninelli sapessero qualcosa?”, continua a sollecitarlo con dosata cattiveria la Merlino.

“No, io su Salvini che non sapesse nulla l’ho visto in diretta - prosegue allora Massimo Giletti - Ora mi pongo una domanda. Ma secondo voi una motovedetta che approccia una situazione così delicata non avvisa i suoi superiori? Poi lo abbiamo scoperto dopo nel corso della trasmissione che l’ordine era arrivato dalla Procura. Ma è evidente che dei militari, perché qui stiamo parlando di militari, avvisano la gerarchia, cioè il Ministro di riferimento, sapendo la situazione estremamente delicata e le polemiche”.

Pubblicità

‘Casalino mi ha detto che il M5S non c’entra nulla’

“Quindi, nonostante le smentite durissime, tu continui a pensare che Toninelli sapesse?”, lo incalza la collega. “Io ho avuto la telefonata in diretta durante la pubblicità da parte di Rocco Casalino, l’ho detto - ammette allora Giletti - E quindi la telefonata di Casalino era ‘noi non c’entriamo nulla, cioè devi essere molto chiaro a dire che noi non c’entriamo nulla’. Allora io ho detto a Salvini ‘scusi Ministro, lei non sa nulla, però quella motovedetta che io vedo è della Guardia Costiera che fa riferimento al Ministro Toninelli.

Pubblicità

Ripeto, col senno di poi, io non credo che i soldati, i militari, chi fa parte di un corpo importante, non avvisi i vertici”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto