Il secondo governo della storia della Repubblica italiana presieduto da Giuseppe Conte ha ormai visto la luce. Il giuramento al Quirinale dei Ministri ha, di fatto, aperto una nuova pagina che, naturalmente, è ancora tutta da scrivere. Bruno Vespa, in un editoriale apparso su Quotidiano.net, ha provato ad analizzare gli attuali scenari politici focalizzandosi su due aspetti. Il primo è stato quello di 'pronosticare' la durata del nuovo esecutivo, sostenuto da una maggioranza composta da due partiti che, seppur affini in alcuni aspetti, presentano una profonda eterogeneità.

Ha inoltre aggiunto una riflessione su quelli che sarebbero i temi di confronto con cui i 'giallorossi' si giocano la partita con Matteo Salvini: opere pubbliche, fisco ed immigrazione.

Vespa pone l'accento sulla questione migranti

Secondo Bruno Vespa passera un po' di tempo prima che l'incompatibilità ideologica albergante nelle due anime che compongono l'esecutivo venga fuori e la situazione finisca, eventualmente, per esplodere.

Inoltre, sebbene l'attuale governo sia espressione di una larga fetta di elettorato che, alle ultime politiche, ha votato o per il Pd o per il M5S, Vespa non manca di specificare come attualmente il gradimento generale verso Matteo Salvini sia ad un livello superiore. Un po' come a voler sottolineare che la maggioranza su cui si regge l'attuale governo ha la strada in salita e deve rimontare. Criticando la scelta del laader della Lega di togliere il proprio supporto al primo governo di Conte, Vespa è abbastanza chiaro su Salvini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica M5S

"La crisi si è rivelata un disastro, ma il suo consenso virtuale resta altissimo", ha scritto il noto giornalista e presentatore.

Ricordando fatti storici recenti come la Brexit che sono nati dalla paura verso gli immigrati, non manca di evidenziare come una linea di discontinuità alle politiche leghiste sull'immigrazione troppo netta potrebbe costare cara in fatto di approvazione popolare a chi oggi governa il Paese.

Secondo Vespa, qualora si scegliesse di "aprire i porti in modo indiscriminato" e in caso di mancato aggiornamento dei criteri europei per la distribuzione dei migranti "la nuova maggioranza - secondo il giornalista - potrebbe avere problemi serissimi".

La palla passa al governo

Vespa, ha inoltre, sottolineato come un ruolo chiave in quello che sarà il lavoro del governo lo si giocherà sulle Infrastrutture.

Quantifica in ottanta miliardi i soldi bloccati e destinati alle opere pubbliche. "Se i cantieri - evidenzia - non ripartono subito, uno dei motori tradizionali della crescita sarebbe ancora fermo". Ricordando come Salvini, evidenzia Vespa, avrebbe cullato l'ambizione di estendere la flat tax senza portare all'aumento dell'Iva, resterà da capire in che modo il nuovo esecutivo riuscirà ad affrontare problemi e proposte relativi al Fisco."Se - conclude il conduttore di Porta a Porta - su questi tre temi il nuovo governo farà interventi convincenti, la partita della Lega sarà perdente.

Altrimenti...".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto