La puntata di Report dello scorso lunedì, incentrata sul caso Russiagate, ha avuto molte ripercussioni, e non solamente nel dibattito politico. Secondo Repubblica infatti il programma sarebbe finito nel mirino del Cda della Rai e due consiglieri del centrodestra hanno espresso la loro contrarietà per il modo in cui è stata trattata la vicenda, ed hanno accusato oltretutto il programma di aver violato le regole della par condicio. Intanto il deputato Fiano risponde alle accuse e invita Salvini a chiarire la vicenda in aula.

Report nell'occhio del ciclone

Forti malumori all'interno del Cda della Rai dopo la puntata di Report di lunedì scorso. Il programma di Rai 3 infatti, oltre a scatenare un vivace dibattito politico, ha avuto ripercussioni all'interno del servizio pubblico. Due consiglieri del centrodestra, Igor De Biasio, vicino al Carroccio, e Gianpaolo Rossi, vicino a Forza Italia, hanno espresso parere contrario per il modo in cui è stato trattato il programma condotto dal giornalista Sigfrido Ranucci.

Accusano inoltre il programma di aver violato le regole sulla par condicio, visto che a breve, il prossimo 27 ottobre, si terranno le elezioni regionali in Umbria.

Le accuse però vengono rispedite al mittente da parte della consigliera, vicina al Partito Democratico, Rita Borioni, e da Riccardo Laganà, che rivendicano l'articolo 21 della Costituzione italiana, in merito alla libertà di stampa, e sostengono che sia stato semplicemente esercitato il diritto di cronaca.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Lega Nord

L'attacco del Pd

Intanto il deputato del Pd Emanuele Fiano respinge al mittente le critiche fatte a Report e sottolinea come i consiglieri Rai più vicini al centrodestra siano più preoccupati delle inchieste del programma di Rai 3, piuttosto che di alcuni programmi che sono stati pensati e lanciati durante il primo governo Conte, che ottengono pochissimi ascolti. Secondo Fiano l'inchiesta condotta da Report "ha semplicemente divulgato i pericolosi intrecci di affari intorno a Salvini", mettendo in luce un disegno preoccupante, volto a colpire la democrazia italiana e la sua posizione nell'Unione Europea.

Fiano inoltre rimarca come lo stesso Salvini non abbia ancora voluto dare delle risposte chiare al Parlamento Italiano sul tema Russiagate, e lo invita a non rimandare il confronto. Non a caso il senatore del PD Franco Mirabelli ha annunciato che presto sarà presentata un'interrogazione al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al fine di informare il Parlamento sui dettagli di questa vicenda, pericolosa per la sovranità della repubblica italiana.

Dello stesso avviso è stato anche l'ex premier Gentiloni, che ha sottolineato come questa inchiesta sarà difficile da ignorare.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto