C'è stato spazio per il Movimento Cinque Stelle nella tradizionale rubrica 'Zuppa di Porro'. Nicola Porro, infatti, nella sua quotidiana rassegna stampa, non ha mancato di sollevare critiche verso i grillini che, proprio in queste ore, sono impegnati nella convention Italia Cinque Stelle a Napoli per il decimo anniversario dalla fondazione del partito. Secondo il giornalista ci sarebbe un'istantanea che raffigurerebbe i vertici del partito attorno ad un tavolo e che, di fatto, rappresenterebbe il simbolo di come, dei vecchi principi anti-casta dei pentastellati, sarebbe rimasto ben poco. Un concetto che, tra l'altro, Nicola Porro aveva già avuto modo di sottolineare in passato.

Porro vede vertici M5s attorno a tavola imbandita

Nicola Porro sceglie di commentare l'evento soffermandosi su una foto che sarebbe presente sui giornali. "La cosa più importante e significativa da fare - sottolinea - è guardare una foto". La scena è quella di un tavolo attorno a cui sono presenti dei commensali. Il dato saliente è che si tratta di personalità di spicco per l'universo grillino e il giornalista commenta ironicamente quanto rappresentato dallo scatto.

"C'è - evidenzia - Di Maio con la sua camicetta bianca, c'è quest'imprenditore belga che si chiama Gunter Pauli, Grillo con la camicia colorata, Davide Casaleggio con la camicetta bianca, la fidanzata di Di Maio e il Ministro Costa con camicetta bianca".

In un certo senso pare indirizzare l'attenzione dei suoi followers sul fatto che, forse, i tempi in cui i grillini diffondevano i contenuti delle proprie riunioni in streaming pubblico paiono essere lontani.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica M5S

M5s da Prima Repubblica secondo Porro

Una scena che, almeno nell'opinione di Porro, richiama partiti più tradizionali e meno inclini ad essere anti-conformisti come il Movimento Cinque Stelle si è sempre sforzato di essere. E Porro evidenzia la normalità 'Politica' della cosa definendola come "i privilegi normali di chi deve raccontare cose che non può sentire la pattuglia dei mille-cinque mila che erano lì ad ascoltarli a Napoli" "E'- evidenzia - una poltiica da Prima Repubblica".

Poi sceglie di fare un parallelo tra immagini che avevano contraddistinto i grillini agli esordi e quelle che, invece, si vedono attualmente.

"Quanto passo - chiede Porro - c'è stato tra le foto che vendono i giornali in cui Gigino che vi serve la pizza e Gigino con la fidanzata borghesuccia che viene servito a tavola in un privé prima della convention di Napoli?".

Il suo discorso trova poi quella che sembra una conclusione abbastanza critica: "Questo è un partito come gli altri in cui si fanno le secrete cose".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto