Rivolta social contro Nicola Porro per aver affermato che l’Ilva di Taranto non avrebbe mai provocato danni alla Salute delle persone. Il giornalista parla di vere e proprie “fake news” che sarebbero state smascherate dal professor Franco Battaglia, il cui articolo sulla questione viene condiviso dal conduttore di Quarta Repubblica sul suo profilo social. Ma la tesi di Battaglia, sottoscritta da Porro, fa letteralmente esplodere il web, visto che la quasi totalità dei commentatori considera una “schifo” il fatto di “sputare sui bambini morti”.

Il post di Nicola Porro sull’Ilva

Da quando la multinazionale ArcelorMittal ha dichiarato di voler abbandonare al suo destino lo stabilimento ex Ilva di Taranto, mass media e politici italiani non parlano d’altro. Al momento la soluzione al caso Ilva sembra lontana, come confermato in conferenza stampa dallo stesso Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Tutti sono convinti che l’azienda franco-indiana non possa e non debba ritirarsi dal contratto da poco sottoscritto, ma senza venire meno all’obbligo di adottare le necessarie misure per la tutela dell’ambiente e della salute dei tarantini.

È generalmente riconosciuto da tempo, infatti, che i miasmi e le polveri tossiche fuoriusciti dall’immensa fabbrica abbiano provocato negli anni migliaia di morti per tumore. Ma c’è chi, anche su questo tema così delicato, preferisce uscire fuori dal coro per sostenere la tesi opposta. “Per anni ci hanno raccontato i danni che l’Ilva avrebbe provocato alla salute delle persone - cinguetta su Twitter Nicola Porro - Franco Battaglia smonta questa tesi, una vera e propria fake news”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Salute

Le reazioni social: ‘Che schifo sputare sui bambini morti’

“Nel documento di cui si servì a suo tempo la magistratura per sollevare il caso e incriminare l’Ilva di disastro ambientale - scrive il professor Battaglia in uno dei passaggi dell’articolo incriminato condiviso da Porro - stava indirettamente scritto che l’Ilva non inquinava e che non vi erano aumenti di patologie attribuibili ai presunti inquinanti”.

Ma, secondo Battaglia, le conclusioni a cui sono giunti i magistrati sarebbero scritte solo in quel documento, visto che questa tesi sarebbe stata contraddetta da diversi dati reali che il professore riporta nel suo studio. Una tesi ‘negazionista’, criticata dalla quasi totalità degli esperti, che ha fatto letteralmente esplodere i social network. “Arrivare a dire queste cose supera anche la vergogna e l'indignazione vuol dire che non può essere considerata appartenente agli umani” è solo una delle reazioni più leggere al post di Porro.

Novità video - Ilva, Sisto (FI): per Taranto colpo mortale
Clicca per vedere

Le altre sono per la maggior parte irriferibili.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto