La nuova Legge di Bilancio è ancora al centro delle discussioni visto che, la maggioranza si concentra su alcuni punti-chiave in vista dell'esame in Parlamento. Si tratta di alcuni ritocchi di circa un miliardo di euro sulla Quota 100, sulla sugar tax e sulle auto aziendali. Stando a quanto riporta il quotidiano "Il Sole 24 Ore", però, Italia Viva punterebbe ad alzare l'asticella a 2 miliardi.

Meno di due mesi per l'approvazione del testo

Intanto, la legge di Bilancio avrebbe già ricevuta la bollatura da parte della Ragioneria generale dello Stato e dovrà essere inviato a Palazzo Madama, dove inizierà la discussione sui 119 articoli della manovra.

Tuttavia, sulla plastic e sugar-tax e sulla stretta del fringe benefit per le auto aziendali, la maggioranza sembrerebbe ancora divisa. La tensione, però, potrebbe salire anche per i possibili ritocchi sul meccanismo di Quota 100 sbandierato dalla Lega, oltre al pacchetto famiglia, al nodo della tax expenditures e al taglio del cuneo fiscale. Secondo quanto riporta il quotidiano "Il Sole 24 Ore", infatti, restano meno di due mesi per l'approvazione del testo ma si dovrà accelerare il più possibile, visto il vincolo dei 60 giorni per la conversione in legge.

Italia Viva punta al recupero di 2 miliardi

Intanto, il partito renziano avrebbe annunciato alcuni emendamenti volti ad eliminare l'impatto della plastic-tax, la nuova imposta sugli imballaggi di plastica, che il nuovo esecutivo giallo-rosso avrebbe introdotto nella Legge di Bilancio per aumentare gli introiti e far fronte al pesante debito che grava sul Paese. Nel mirino, anche la cosiddetta sugar-tax e il fringe benefit per le auto aziendali.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Per questa operazione, infatti, Italia Viva sarebbe pronta a mettere sul piatto circa 2 miliardi di euro che potrebbero essere recuperati facendo slittare il taglio del cuneo fiscale a settembre. Quanto alle auto aziendali, invece, sarebbe intervenuta il sottosegretario al ministero dell'Economia Laura Castelli: "In Parlamento siamo pronti a migliorare un testo che ha visto la condivisione della maggioranza di Governo", ha spiegato.

Nella manovra confermati Opzione Donna e Ape Sociale

Come ormai noto, il sistema del pensionamento anticipato con Quota 100 è stato confermato fino alla scadenza naturale fissata per il 2021. Tuttavia, la battaglia non sembra essersi chiusa, visto che Italia Viva avrebbe annunciato un nuovo emendamento volto ad eliminare la misura in via definitiva. Secondo quanto affermato da "Il Giornale di Sicilia", inoltre, sarebbe stata confermata anche la proroga del regime sperimentale donna e dell'Ape Sociale fino al 31 dicembre 2020.

Novità video - Brunetta a Sky Tg24: quota 100 e reddito soldi sprecati
Clicca per vedere

Novità anche per i lavoratori addetti alle mansioni usuranti che, invece, dovranno raggiungere quota 97,6, ovvero, con almeno 61 anni e 7 mesi di età anagrafica accompagnati dai 35 anni di contribuzione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto