Il servizio di Report andato in onda il 28 ottobre scorso sembra non voler finire mai di dare vita a furiosi strascichi polemici. Lunedì 4 novembre la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, presa di mira dalla trasmissione di Rai Tre perché sospettata di servirsi di account falsi sui social network, ha voluto dire la sua nel corso di una conferenza stampa convocata alla Camera dei Deputati. La Meloni ha respinto con sdegno tutte le accuse parlando di “giornalismo spazzatura”, finendo poi per scontrarsi nuovamente con l’autore dell’inchiesta ‘La fabbrica della paura’, il giornalista Giorgio Mottola che l’ha invitata a denunciarlo se convinta che abbia detto il falso.

Ma la pasionaria della destra italiana, stavolta sui social, ha preso di mira anche l’esperto informatico di cui si è avvalsa Report. Si tratta di Alex Orlowski, definito dalla Meloni un “odiatore di professione” a causa di diversi tweet da lui stesso postati in passato. Lui ha replicato chiedendole sarcasticamente di fermare gli hater che sulla rete continuano a minacciarlo.

Il tweet di Giorgia Meloni contro Alex Orlowski: ‘Ecco l’esperto di Report’

A distanza di una settimana dal servizio mandato in onda da Report sui presunti account fake utilizzati dai profili social di Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia ha ancora il dente avvelenato.

Dopo la conferenza stampa alla Camera, di cui si è appena accennato, la Meloni ha preso carta e penna virtuali per pubblicare un tweet in cui definisce ironicamente “esperto” Alex Orlowski, il consulente informatico “utilizzato” da Report “per analizzare il mio account Twitter, accusandomi di diffondere odio in rete”. La numero uno di Fd’I si chiede retoricamente se sia “normale” che la televisione pubblica “si affidi a odiatori di professione per montare un’inchiesta” che viene bollata senza mezzi termini come “mistificatoria e priva di fondamento”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Meloni condivide i tweet di Orlowski e lui risponde: ‘Mi denunci’

Allo scopo di rafforzare la sua tesi, Giorgia Meloni condivide alcuni cinguettii postati da Orlowski qualche tempo fa.

“Comincio ad avere dubbi sull’Arma dei Carabinieri - scriveva su Twitter il consulente informatico - non dovreste cominciare a pulire la me… che avete all’interno? Oppure dobbiamo farlo noi cittadini? Non credetevi al di sopra delle regole”. Seguono altri messaggi di Orlowski, tutti infarciti di parolacce e offese irripetibili indirizzate ai suoi interlocutori social. Ma il messaggio che fa infuriare la Meloni è il seguente: “Occhio che la Meloni parla un inglese decente e potrebbe fare la lavapiatti a Londra”.

Novità video - Manovra, Pinotti sui saldi: il Parlamento può fare di meglio
Clicca per vedere

Di fronte all’assedio social scatenato contro di lui dal tweet della esponente Politica nativa della Garbatella, il collaboratore di Report decide di replicare con le stesse armi. “Spett.le Giorgia Meloni ed entourage - scrive l’uomo commentando proprio il post della Meloni - andate a leggere i miei tweet, hanno un sacco di info. Si ricordi che io non l'ho accusata di nulla, ho fatto il mio lavoro di analisi e bigdata.

Non le va bene, mi denunci no? Senta può dire ai suoi di smetterla di minacciarmi?”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto