Sono passati ormai diversi mesi da quando Vittorio Feltri sottolineava che Giuseppe Conte potesse essere considerato 'elegante', benché fosse 'di Foggia'. In quell'occasione dalla città pugliese si levarono diversi cori di indignazione per la frase provocatoria arrivata dal giornalista. A distanza di tempo il celebre giornalista torna a porre il proprio focus sullo stile del premier e sulla sua pochette: lo fa, però, evidenziandola come particolare che rimane furori da quella che, secondo lui, sarebbe la modestia del Presidente del Consiglio, intesa come pochezza di capacità e personalità.

Un concetto che viene espresso attraverso un editoriale apparso sull'edizione on line di Libero, un pezzo in cui, oltre che contro il premier, non manca di muovere critiche verso l'attuale governo ma anche di chiedere scusa a Salvini per aver giudicato erronea la scelta di far cadere il governo Lega-M5S in estate.

Per Feltri governo incapace di guidare Italia

Vittorio Feltri, nel suo pezzo, fa 'ammenda', poiché aveva contestato a Salvini il fatto che, ad agosto, avesse scelto di staccare la spina ad un governo che gli stava portando tanti consensi.

Il giornalista sottolinea come quel gesto, nelle sue idee, si immaginava potesse portare il leader della Lega ed il partito a finire per perdere terreno. È lui stesso a ricordare come, in quel frangente, avesse ritenuto quella mossa una sorta di "suicidio politico". I fatti, invece, stanno raccontando, secondo Feltri, che quanto accaduto sta giocando a favore del Carroccio. Questo sarebbe la conseguenza di quelle che sarebbero le difficoltà che, al momento, sta incontrando il governo formato da Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Matteo Salvini M5S

L'attuale governo, secondo il giornalista di Libero, si sarebbe rivelato "peggiore del precedente, addirittura ridicolo, essendo totalmente - si legge nell'articolo - incapace di guidare il Paese".

Feltri sottolinea come Meloni e Salvini galoppino nei sondaggi

Feltri sottolinea come la sua idea sia confermata da quelle che, a suo avviso, sarebbero prove inconfutabili. La gestione dell'Ilva la etichetta come "improntata a dilettantismo" e la sciagura di Venezia ritiene non sia stata neanche affrontata, con l'eccezione della nomina di un commissario che Feltri ritiene "inutile" e dalle "funzioni ignote".

Il tutto giocherebbe a favore di Salvini che, a giudizio del giornalista, beneficia di un "cavallo di razza" quale, secondo lui, è la Lega. Non a caso sceglie la metafora del "Capitano" e della "amazzone Meloni che galoppano nei sondaggi" per oltre il 50% delle intenzioni di voto.

L'affondo più duro relativo all'attuale maggioranza di governo riguarda il Presidente del Consiglio. Conte, infatti, viene definito "modesto" e "a parte la pochette - si legge nell'editoriale - a quattro o tre punte, non è in grado di compiere altro, tanto meno di guidare una macchina complessa quale Palazzo Chigi".

Novità video - Salvini: su Ilva Pd e M5s si comportano da incoscienti
Clicca per vedere

A ciò Feltri aggiunge il fatto che "la pletora di ministri" chiamato a supportarlo, in realtà gli complica la vita.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto