La crisi Politica e militare in Libia preoccupa il governo italiano e resta il tema politico più gettonato di questi in giorni. Mercoledì 8 gennaio, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha invitato a Palazzo Chigi prima il generale Kalifa Haftar, il padrone della Cirenaica che sta provando a conquistare in tutti i modi Tripoli, aiutato dai russi. E poi, avrebbe dovuto incontrare il Premier della capitale libica, riconosciuto dall'Onu, Fayez Al Serraj. Quest'ultimo, però, forse scottato dall'affronto compiuto ai suoi danni dagli "alleati" di Roma, non si è presentato all'appuntamento, preferendo tornare direttamente in patria da Bruxelles, dove si era recato in visita.

Uno smacco per la diplomazia tricolore, che quotidiani come Corriere della Sera e Sole 24 Ore hanno definito una "gaffe". Di parere molto meno tenero si dimostra, invece, Nicola Porro, secondo il quale Conte avrebbe fatto una vera e propria "figura di emme".

Nicola Porro scatenato contro Giuseppe Conte, gliene dice di tutti i colori: 'Imbarazzante'

Il caso Libia scalda la polemica politica in Italia. Nicola Porro, nella sua quotidiana Zuppa, commenta l'episodio della "buca" data da Serraj a Conte.

"Lui, che pensa sempre di essere il più furbo di tutti, cosa fa? Convoca a Roma Serraj, il capo riconosciuto piazzato dall'Onu alla guida della Libia a Tripoli, e il generale Haftar, il suo grande avversario - ricostruisce i fatti del giorno prima il giornalista Mediaset - Poco prima si vede con il direttore de Il Foglio a Palazzo Chigi, il quale gli chiede chiaramente con chi stiamo in Libia. E quello gli fa la superca… Dice dopo 20 righe 'noi stiamo con Serraj, ma vogliamo essere inclusivi e stare anche con Haftar' che avrebbe visto dopo un'ora.

Il problema che - si scalda Porro - tra gli slalom tra cui lo stesso Cerasa dice si sia svolta la sua discussione con Conte, è imbarazzante. Questo non è il segno del moroteismo, del doroteismo, del democristianismo. Questo è il segno di uno che non ha un'idea. Non una strategia, non ha un'idea (ripete alzando ulteriormente il tono della voce, ndr)".

'Ha fatto una figura di m…, ma ci ha messo sopra la sua faccetta da professore foggiano'

Nicola Porro non mostra di avere peli sulla lingua. "Una figura di m… abbiamo fatto ieri, che il Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore hanno chiamato gaffe - perde le staffe - Perché sui giornali borghesi è normale che non si possano dire le parolacce che io mi permetto di dire. Cosa ha fatto ieri Conte? Una figura di m…, ma ci ha messo sopra la sua faccetta da professore foggiano che la spiega a tutti quanti.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Ha invitato per il colloquio prima il generale che sta invadendo Tripoli, che non è riconosciuto dall'Onu. E poi ha voluto fare il parac… invitando Serraj che in volo, partendo da Bruxelles e arrivando a Roma, ha detto 'ahò ma che ce sta pure il mio nemico, ma siete scemi che me lo fate incontrare due ore dopo che ha parlato con l'Italia?'. Io vorrei sapere - conclude alzando ulteriormente il tiro - chi è il tossicodipendente che ha pensato questa furbata per il Presidente del Consiglio.

Lo stesso forse che ha scritto il discorso a Di Maio, anche se i due si stanno combattendo una partita mediatica".

Segui la nostra pagina Facebook!